Krajinovic: “Spero che Djokovic rimanga in salute e superi tutti i record”



by   |  LETTURE 1257

Krajinovic: “Spero che Djokovic rimanga in salute e superi tutti i record”

Il ventottenne Filip Krajinovic, numero 32 del mondo nelle ultime classifiche stilate dall’ATP, ha raggiunto il terzo turno agli Australian Open ed al Roland Garros 2019, sconfitto rispettivamente da Borna Coric e Stefanos Tsitsipas.

In carriera non ha mai sollevato un trofeo del circuito principale, ma vanta comunque tre finali: a Parigi-Bercy nel 2017 (battuto in tre set da Jack Sock) e a Budapest e Stoccolma la scorsa stagione, superato dal nostro Matteo Berrettini e dal canadese Denis Shapovalov.

Ottimo amico del connazionale Novak Djokovic, Krajinovic ha parlato di lui a Blic.

I sinceri auguri di Krajinovic a Djokovic

Nel mentre che la pandemia globale da Coronavirus imperversava in Europa, il numero uno ATP Novak Djokovic era rimasto a Marbella assieme alla propria famiglia, prima di tornare in Serbia approfittando di un periodo più propizio.

“Non abbiamo parlato molto mentre lui era in Spagna”, ha confessato Krajinovic. “Ma ero davvero molto felice quando ho saputo che sarebbe tornato in Serbia. Gli auguro di rimanere in salute e che frantumi ogni record – cosa che è certamente in grado di fare.

Facciamo tutti il tifo per lui, è il nostro eroe ed il nostro amico. Spero perfino che la sua famiglia si allarghi ancora di più. Giochiamo sempre in tornei diversi, quindi non abbiamo mai la possibilità di festeggiare il compleanno insieme, ma quest’anno forse sì.

Vedremo come va la situazione. Al momento non disputiamo alcun torneo e non abbiamo così tante responsabilità, perciò è possibile per noi Serbi riuscire a vederci. Credo che succederà presto.

C’è davvero un ottimo rapporto tra di noi – sto parlando del team di Coppa Davis – e ogni qual volta abbiamo un po’ di tempo libero, cerchiamo di uscire insieme. Siamo tutti dei grandi leoni e Viktor Troicki è il più divertente del gruppo.

Ce la intendiamo alla perfezione, uscire insieme è per noi un tesoro. Spero lo faremo in Serbia quest’estate e che ci sia del tempo per fare un po’ di festa”.