Novak Djokovic: "Vi spiego come gestisco la pressione"



by   |  LETTURE 4811

Novak Djokovic: "Vi spiego come gestisco la pressione"

Lo scorso anno, Novak Djokovic ha annullato ben due match point in risposta nella finale di Wimbledon contro Roger Federer, beffando lo svizzero al tiebreak decisivo e aggiudicandosi il sedicesimo Slam della sua straordinaria carriera.

Il campionissimo serbo sarebbe arrivato poi a quota 17 rimontando Dominic Thiem nell’ultimo atto degli Australian Open 2020. Il numero 1 del mondo è noto per la sua forza mentale nei momenti più complicati.

Nel corso delle ultime stagioni, Nole è stato in grado di superare rabbia, paura, preoccupazione e il dubbio di non tornare più ai livelli del 2011 e del 2015.

Djokovic e la gestione della pressione

“Penso che l’esperienza derivante dal fatto di essermi trovato così tante volte in situazioni di pressione nella mia carriera, mi aiuta ad affrontare le avversità, i dubbi e le paure” – ha confidato Djokovic in un’intervista a Graham Bensinger.

“Pratico la meditazione, parlo spesso con il mio team, con i miei genitori e con mia moglie. Cerco di affrontare alcuni problemi emotivi o traumi insieme ai miei allenatori di vita, guide spirituali. Quando mi trovo a fronteggiare una palla break o un match point, riesco ad avere il controllo della situazione in maniera molto rapida” – ha aggiunto.

Novak si è soffermato anche sulla possibilità di disputare i tornei senza pubblico: “Sinceramente, non è il massimo giocare con le tribune vuote. Ma sembra che purtroppo sarà la realtà.

Probabilmente lo dobbiamo accettare se vogliamo che il tour riprenda, almeno nella fase iniziale. È la situazione ideale? No di certo. La mia personale opinione è che non gioco a tennis solo per me stesso. Gioco anche per la mia famiglia e per chi mi sta intorno.

Sento che il tennis mi dà tanta gioia e adoro giocarci, per questo mi alleno ogni giorno”. Il 17 volte campione Slam era imbattuto nel 2020 prima della sospensione, con un bilancio di 18 vittorie e zero sconfitte.