Fondo di solidarietà, Struff: "Importante che l'iniziativa sia partita da Djokovic"


by   |  LETTURE 1214
Fondo di solidarietà, Struff: "Importante che l'iniziativa sia partita da Djokovic"

Novak Djokovic, considerando l’impatto economico che la sospensione del Tour potrebbe avere su tutti quei tennisti che ogni anno lottano per entrare in top 100 e pareggiare le spese economiche, ha avuto l’idea di costruire un fondo per sostenere proprio i giocatori più in difficoltà.

Sulla questione si sono espressi alcuni dei più importanti personaggi del mondo del tennis. Grande scalpore hanno suscitato le dichiarazioni di Dominic Thiem, contrario alla creazione di questo fondo di solidarietà.

“Nessuno dei giocatori di livello inferiore deve lottare per la propria vita in questo momento. Ho visto molti casi di tennisti del Tour ITF che non si impegnano al 100% in questo sport. Molti di loro si comportano in maniera non professionale.

Non capisco perché dovremmo dare loro i nostri soldi. Preferisco donare quelle somme di denaro a persone o istituzioni che ne hanno davvero bisogno. Non esiste professione al mondo che garantisca successo o importanti guadagni nei primi anni di carriera”.

L’ultimo ad esprimersi sul delicato tema è stato Jan-Lennard Struff, che ha voluto elogiare il lavoro svolto da Djokovic come presidente del player council dell'ATP. “Al momento, come gli altri giocatori, non ho entrate” , ha spiegato il tedesco in un’intervista a Sport Klub.

“Ma negli ultimi anni ho fatto bene e sono riuscito a mettere da parte un po’ di soldi. Penso che sia un’ottima idea aiutare economicamente i giocatori di tennis di livello inferiore. Penso sia molto importante che questa iniziativa sia partita direttamente da Novak Djokovic. Questo dimostra che Nole vuole prendersi davvero cura degli altri giocatori”.