Novak Djokovic: "Cara Italia, resta forte e coraggiosa. Andrà tutto bene"



by   |  LETTURE 3744

Novak Djokovic: "Cara Italia, resta forte e coraggiosa. Andrà tutto bene"

“Sono contento di venire in Italia. Roma è una seconda casa. Perché ho come la sensazione di essere italiano. Lo vedo: la gente mi guarda con energia positiva, con simpatia, con molto calore. E lo sento sul campo, e nella città con tutta la sua storia.

Poi ho molti amici, conosciuti nei miei quindici anni. A 17 anni ho cominciato a imparare la lingua da autodidatta. Quando parlo italiano è come se parlassi serbo“. Novak Djokovic ha più volte parlato del forte legame che condivide con l’Italia e gli italiani.

Il 17 volte vincitore di un torneo del Grande Slam ha trascorso diversi mesi in Liguria durante la sua infanzia, mesi in cui ha potuto sviluppare il suo immenso talento insieme a Riccardo Piatti, uno dei più grandi maestri di tennis.

Attraverso la Novak Djokovic Foundation, il campione serbo ha voluto esprimere tutta la sua vicinanza al nostro Paese, che vive uno dei momenti più complicati della sua storia a causa della seria emergenza sanitaria.

“Cara Italia, anche se stai attraversando un momento molto difficile, ricorda che non sei sola in questa situazione. Ti sosteniamo e ti inviamo il nostro amore, il nostro sostegno, le nostre preghiere e desideriamo tu rimanga forte per affrontare e superare questi giorni difficili. Resta forte e coraggiosa, sicura, sana e unita. Andrà tutto bene! “.