Mark Knowles: "Questa pausa non ci voleva proprio per Novak Djokovic"


by   |  LETTURE 5303
 Mark Knowles: "Questa pausa non ci voleva proprio per Novak Djokovic"

Nel corso di una recente intervista concessa a Express, l’ex numero 1 del mondo di doppio Mark Knowles ha parlato dell’incredibile avvio di stagione di Novak Djokovic. Prima della sospensione del circuito ATP causata dal coronavirus, il serbo aveva infatti vinto tutte le 18 partita disputate nel 2020, sette delle quali contro top 10.

“Questa pausa dovuta al coronavirus non ci voleva proprio per Novak Djokovic” ha commentato Knowles. “Veniva da una striscia di 21 vittoria consecutive e stava giocando ad un livello sensazionale: dava l’impressione, se avesse programmato e gestito bene il calendario, di poter concludere la stagione da imbattuto.

Pochissimi giocatori avrebbero potuto batterlo, anche se ovviamente è molto complicato chiudere una stagione senza mai perdere”. Di Nole ha parlato anche Lindsay Davenport. “Abbiamo visto Djokovic quasi in lacrime quando la Serbia è stata eliminata nella semifinale dell'ultima Coppa Davis, visto che significava molto per lui raggiungere un buon risultato con la sua nazionale” ha dichiarato l’ex numero 1 del mondo.

“Penso che quella sconfitta lo abbia aiutato a motivarsi ancora di più e ad iniziare la stagione come un fulmine. È stato in grado di riscattarsi nella Coppa ATP, dove ha sconfitto i migliori giocatori”.

Riguardo alla lotta per i titoli Slam tra i tre mostri sacri, Davenport ha aggiunto: “Ogni Grand Slam è importante per i Big Three, perchè le distanze sono minime. Novak crede fermamente di poter diventare il tennista più vincente della storia.

È questo uno dei motivi per cui continua a giocare a siffatti livelli. Quando è al 100%, è molto difficile tenergli testa” ha concluso la statunitense. Photo Credit: Getty Images