Ci sarebbe la mano di Novak Djokovic dietro all'annullamento del Miami Open


by   |  LETTURE 7812
Ci sarebbe la mano di Novak Djokovic dietro all'annullamento del Miami Open

Il Miami Open è uno dei sette tornei ATP annullati a causa dell’emergenza Coronavirus. Il secondo Masters 1000 stagionale, che potrebbe essere recuperato a settembre, ha cercato qualsiasi soluzione per garantire lo svolgimento del torneo, vagliando anche l’opzione di giocare a porte chiuse.

Secondo quanto riporta il Daily Mirror, questa ipotesi è stata illustrata davanti al Consiglio dei giocatori, ma Novak Djokovic l’avrebbe esclusa a priori asserendo che la situazione legata al virus si sarebbe aggravata da un momento all’altro.

Il numero 1 del mondo ha infatti preso la decisione di lasciare immediatamente gli Stati Uniti, come già avevano fatto Rafael Nadal e Gael Monfils, e da quel momento l’organizzazione del Miami Open ha abbandonato qualsiasi speranza.

Non a caso, giovedì è arrivata la decisione di annullare l’evento. Djokovic, Nadal e Thiem, i primi tre giocatori al mondo, erano già rientrati in Europa e difficilmente sarebbero potuti rientrare negli USA per via delle restrizioni imposte da Donald Trump.

A differenza del gemello Indian Wells, nella nota diffusa dal Miami Open non si fa alcun riferimento alla possibilità di riorganizzare il torneo in un’altra data. Ricordiamo che il circuito dovrebbe riprendere nella settimana del 27 aprile, ma è altrettanto inutile sottolineare che si naviga a vista.