Le 8 statistiche che certificano il dominio di Novak Djokovic


by   |  LETTURE 6632
Le 8 statistiche che certificano il dominio di Novak Djokovic

Il trionfo di ieri contro Dominic Thiem ha consegnato a Novak Djokovic il 17mo titolo Slam, l’ottavo a Melbourne, e gli ha riconsegnato la prima posizione mondiale. Il serbo ha così ritoccato le sue già impressionanti statistiche: e sono proprio alcuni dati, che proviamo a riassumere nel seguito, a certificare il dominio del numero 1 del mondo sul tennis dell’ultimo decennio.


1 - Dal 2011, anno in cui ha conquistato il suo secondo Major, Nole ha portato a casa 16 titoli Slam: una cifra stupefacente, specie se comparata con i titoli Major in questo stesso periodo di Nadal (10), Federer (4) e Murray (3), ovvero degli altri tre mostri sacri.
2 - Nole è il primo tennista capace di vincere in tre decenni diversi: 1 titolo negli anni 2000 (gli Australian Open 2008, suo primo Slam), 15 negli anni 2010 e 1, appunto, nel decennio 2020-2030.
3 - Nessuno prima di lui aveva raggiunto 8 finali in due diversi Slam: a Nole è riuscito a Melbourne, dove ha sempre vinto, e a New York, dove invece ha trionfato in “sole” tre occasioni.
4 - Djokovic è il secondo giocatore della storia per numero di successi nello stesso Slam, al pari di Federer (otto volte campione a Wimbledon) e alle spalle del solo, probabilmente irraggiungibile, Nadal, che ha vinto il Roland Garros addirittura 12 volte.
5 - Quella con Thiem è stata la prima finale Slam che Djokovic ha vinto dopo essere stato sotto due set a uno.

Impresa sfiorata nel 2012 agli US Open, quando Nole rimontò due set di svantaggio a Murray, prima di perdere però al quinto set.
6 - Djokovic ha intascato cinque degli ultimi sette Slam, con un bilancio di 43 vittorie nelle ultime 45 partite disputate nei Major.
7 - In termini di titoli generali, con il successo di ieri Djoker sale a quota 78, superando John McEnroe e diventando il quinto tennista più vincente di sempre alle spalle di Nadal (84), Lendl (95), Federer (103) e Connors (109).
8 - Con il ritorno sulla vetta del ranking, Djokovic accorcia inoltre ulteriormente il gap di settimane da numero 1 che lo separa dai primi due della classe: con le sue 276 settimane da padrone della classifica mondiale, Nole è adesso a meno 10 lunghezze da Sampras e a 34 dal capolista Federer: il sorpasso, se le cose non dovessero cambiare, avverrebbe a ottobre.

Photo Credit: Getty Images