Djokovic: "Gioco sempre meglio. Voglio aiutare lo sviluppo del tennis in Serbia"


by   |  LETTURE 1631
Djokovic: "Gioco sempre meglio. Voglio aiutare lo sviluppo del tennis in Serbia"

Da Melbourne - Il rendimento di Novak Djokovic sta salendo in maniera esponenziale con il passare dei turni. Il sette volte campione degli Australian Open ha staccato il pass per i quarti di finale per l’11ma volta nella sua carriera e ha dimostrato di essere perfettamente a suo agio sul GreenSet della Rod Laver Arena.

“È fantastico. Nelle ultime due partite mi sono sentito davvero in palla, ho servito bene e sono stato incisivo da fondo campo. Oggi era un bel test perché Diego stava giocando bene, non aveva perso un set fino ad oggi.

Può essere un avversario molto pericoloso dalla riga di fondo. Avevo un piano tattico ben preciso e la situazione è stata sempre sotto controllo, forse avrei potuto chiudere prima, ma tutto sommato sono contento della mia prestazione” – ha dichiarato il serbo in conferenza stampa.

A Nole è stato chiesto se i suoi figli siano interessati al tennis: “È un processo molto spontaneo. Gli piace provare cose diverse. Mio figlio ama le arti marziali, il calcio e il tennis, gli piace giocare sia con me che con il suo migliore amico.

Ovviamente, quando viaggiano con me, ci sono più opportunità di giocare a tennis. Non ha ancora confessato chi sia il suo giocatore preferito. Spero di fare abbastanza per diventarlo (ride)”. Ad attenderlo c’è ora Milos Raonic, già battuto in tutti e nove i precedenti: “È un enorme vantaggio quando puoi servire da un’altezza simile.

Puoi davvero colpire qualsiasi angolo. Questo fattore mette molta pressione sulle spalle del tuo avversario. Naturalmente, ci sono anche alcuni svantaggi in termini di movimenti. Credo che Raonic sia migliore da fondo campo rispetto magari a Isner o Karlovic, il cui servizio è forse più difficile da leggere”.

I successi di Djokovic hanno contribuito ad incrementare la popolarità del tennis in Serbia: “Il nostro Paese non ha una tradizione lunghissima per quanto riguarda il tennis, almeno prima di Nenad Zimonjic e Monica Seles.

Poi sono arrivate Ana Ivanovic e Jelena Jankovic, senza dimenticare Janko Tipsarevic che è stato un Top 10. Voglio dire, è stato un decennio fantastico per il tennis in Serbia. Adesso molti giovani ragazzi scelgono di afferrare una racchetta.

Nel mio tempo libero, provo ad aiutare la federazione e chiunque ami davvero il tennis per creare un sistema idoneo a lungo a termine. Ciò consentirà a bambini e genitori di avere un accesso più facile al tennis, il che sarebbe fantastico visto che siamo sempre stati una nazione incentrata sugli sport di squadra”.