Djokovic: "I miei obiettivi sono cambiati. Speciale essere fonte di ispirazione"


by   |  LETTURE 4341
Djokovic: "I miei obiettivi sono cambiati. Speciale essere fonte di ispirazione"

Nadal è l'eccezione. Il destino delle esibizioni, se non altro nella stragrande maggioranza dei casi, appare sempre piuttosto chiaro. E Djokovic ne è la prova. Nonostante il passo falso contro Stefanos Tsitsipas ad Abu Dhabi, ovviamente senza conseguenze, il campionissimo serbo si è raccontato all'alba della nuova stagione.

In una veste decisamente diversa. "Non sembra un torneo di esibizione. Per l'intensità dei match, l'ambiente che si crea, i giocatori che di anno in anno vengono. Sembra davvero un torneo normale. Nonostante la posizione nel calendario spero di continuare a giocarlo, lo sapete, do sempre il massimo in ogni partita" ha spiegato.

"Ho sempre e solo pensato a vincere. Ad abbattere tutti i record. Adesso che di anni ne ho trentadue, che ho una vita diversa, i miei obiettivi sono cambiati. Sono cambiate soprattutto le mie proprità. Essere di ispirazione per le persone, soprattutto per le i bambini, mi inorgoglisce.

Davvero, è speciale. Mi piace l'idea che vogliano essere come me un giorno. Penso che per un tennista, o semplicemente per uno sportivo, cose del genere siano davvero significative" ha poi concluso. I record non sono un'ossessione, è vero, ma i venti Slam di Federer ancora oggi fatica a toglierseli dalla testa: "Mentirei se dicessi che non ci penso.

Davanti a me ci sono due dei migliori giocatori della storia, lavoro ogni giorno per provare ad avvicinarmi. Vedremo se ci riuscirò oppure no" ha detto. Photo Credit: Getty Images