Tiriac: "Djokovic voleva l'addio di Kermode, ma non ho capito i motivi"


by   |  LETTURE 1516
Tiriac: "Djokovic voleva l'addio di Kermode, ma non ho capito i motivi"

Intervenuto nel corso di un'intervista il proprietario dell'Open di Madrid Ion Tiriac ha parlato di Novak Djokovic e sopratutto dei suoi pensieri come presidente del consiglio dei giocatori. Il tennista serbo voleva "la testa" del presidente dell'Atp Chris Kermode, dirigente che dirà addio al suo ruolo a fine stagione e verrà sostituito dall'italiano Andrea Gaudenzi.

Ecco le parole di Tiriac: "Djokovic proviene da un paese molto piccolo. Rispetto agli altri era molto più affamato e merita gran rispetto per tutti i risultati ottenuti. A livello politico non so però cosa lui vuole davvero.

Ancora devo capirlo" Sul futuro del tennis: "Sono stato in questo sport per 65 anni e quasi nessuno è durato cosi tanto. Ho visto anche la generazione di Rod Laver e Roy Emerson, ci sono tennisti americani di cui non ricordo neanche il nome.

Alla fine i nuovi sostituiscono quelli più vecchi, funziona da sempre così. Dopo l'epoca degli australiani avevi Borg e Connors poi successivamente altri fenomeni come McEnroe, Agassi e Sampras. In Germania prima c'era Boris Becker che ha portato il tennis ad un livello molto alto, ora c'è Zverev.

Lui e Tsitsipas sono giovani ed hanno per me tante grandi possibilità. Quest'anno a Wimbledon, oltre ai soliti, c'erano almeno altri 4 giocatori che potevano vincere il titolo e questa è una cosa positiva. Lo stesso vale anche tra le donne dove ci sono diverse tenniste molto competitive"