Novak Djokovic: "Parigi mi motiva, Shapovalov si è evoluto"


by   |  LETTURE 3747
Novak Djokovic: "Parigi mi motiva, Shapovalov si è evoluto"

Da Parigi, il nostro inviato - Battendo in due set Grigor Dimitrov al Rolex Paris Masters, Novak Djokovic ha raggiunto la sua 50ma finale in un Masters 1000. Domani il fenomeno serbo andrà a caccia del quinto successo a Bercy, contribuendo ad alimentare le sue speranze di chiudere la stagione in vetta al ranking mondiale (complice anche l’infortunio occorso a Rafael Nadal).

“La partita è stato molto equilibrata, soprattutto nel primo set. Entrambi abbiamo difeso molto bene i nostri turni di servizio, non ci sono state molte opportunità. Nel tiebreak sono partito meglio, anche se poi sono andato sotto 3-5 a causa di un doppio fallo.

Sono riuscito a mantenere la concentrazione e a vincere uno scambio lunghissimo da quasi 35 colpi, è stato fondamentale. Nel secondo set ero molto più rilassato, ho piazzato il break e non ho avuto difficoltà a mantenere il servizio fino alla fine” – ha dichiarato il 16 volte campione Slam in conferenza stampa.

Secondo il parere di Nole, la prestazione odierna è da considerarsi un gradino inferiore rispetto a quella con Tsitsipas: “Non ho servito così bene e ho commesso diversi errori all’inizio del primo set, anche se poi la battuta mi ha risollevato un paio di volte da 15-30.

Grigor è stato il giocatore più aggressivo in campo, ha un atletismo notevole, penso che sia sottovalutato dal punto di vista fisico. Non ha solo un grande talento, ma è anche veloce e agile”. Domani lo attende Denis Shapovalov per assegnare l’ultimo 1000 della stagione: “Il suo miglioramento è legato al fatto di aver ridotto drasticamente il numero degli errori gratuiti, il suo gioco si è evoluto parecchio negli ultimi tempi.

Mi piace giocare in queste condizioni e spero di esprimere il mio miglior tennis in finale. Sento una motivazione enorme in questa città, anche grazie al Roland Garros, che è uno dei quattro tornei più prestigiosi al mondo. Sono molto motivato a fare bene, devo soltanto far uscire il mio tennis”.