Novak Djokovic: "I soldi nel tennis non sono sempre il fattore decisivo"


by   |  LETTURE 3713
Novak Djokovic: "I soldi nel tennis non sono sempre il fattore decisivo"

L'Asia è una delle ultime grandi frontiere nel tennis. Sia nel circuito maschile che in quello femminile sono aumentati i tornei nel Medio Oriente e quest'anno le WTA Finals si disputeranno per la prima volta a Shenzhen: per la vincitrice, un assegno record da 4.7 milioni di dollari.

Nell'ATP, il Master 1000 di Shanghai si è più volte detto pronto all'upgrade di categoria, allungando il torneo a 10-11 giorni e portando il montepremi fino a più di 10 milioni. Quest'anno, Tokyo è arrivata a un passo dal firmare il contratto con l'Atp per ospitare le Finals dal 2021 al 2025 prima che subentrasse all'ultimo Torino.

Djokovic ha parlato delle potenzialità del Medio Oriente in una conferenza stampa a Cincinnati. "Ho avuto grande successo in Cina, quindi voglio che in quella parte del mondo ci siano più tornei - ha detto sorridendo -.

Il tennis femminile ha fatto grandi passi in avanti, penso abbiano 15 tornei lì più il Master. Non so come la faccenda si sviluppoerà nel tennis maschile. Sicuramente c'è un mercato finanziario molto forte e c'è una grande richiesta e anche un grande desiderio di vedere i migliori giocatori al mondo.

Pechino e Shanghai hanno fatto molto bene, riescono sempre a portare i top player. Vedremo. Il fattore finanziario è molto importante ma non sempre decisivo. Deve esserci il giusto equilibrio con gli altri Continenti"