Novak Djokovic: "Proposi a Kyrgios di aiutarlo cinque anni fa"


by   |  LETTURE 6746
Novak Djokovic: "Proposi a Kyrgios di aiutarlo cinque anni fa"

Come era abbastanza prevedibile, Novak Djokovic ha deciso di non partecipare ad alcun torneo sull’erba prima di Wimbledon. Il numero 1 del mondo si sta preparando al terzo Slam stagionale presso l’Accademia Tipsarevic a Belgrado, ma nel frattempo ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Sport Klub.

“In questo momento sto curando ogni aspetto, perché so quanto sia importante prepararsi per giocare bene sull’erba. È la superficie su cui i giocatori competono meno ed è molto tecnica, richiede un gioco completamente diverso, un approccio differente, c’è bisogno di tempo per adattarsi.

Per questo ho deciso di non partecipare a nessun torneo prima di Wimbledon” – ha spiegato Nole. Il 15 volte campione Slam ha individuato i grandi favoriti per i Championships: “Sarebbe impossibile non nominare Roger Federer e Rafael Nadal.

Gli Slam durano due settimane e possono succedere tante cose, ma per l’esperienza che abbiamo e per il fatto che si gioca tre set su cinque, siamo i tre principali favoriti. Poi ci sono altri giocatori che possono creare molti problemi, come Stan Wawrinka, Milos Raonic, John Isner, Kevin Anderson o alcuni giovani tipo Alexander Zverev o Stefanos Tsitsipas”.

Djokovic ha parlato anche di Nick Kyrgios, che gli ha rivolto critiche molto severe nel corso di un recente podcast. “Ho avuto modo di conoscerlo in maniera più approfondita prima che iniziassi a ricevere quelle critiche.

Ricordo di avergli persino offerto aiuto agli US Open cinque anni fa, gli dissi che poteva chiamarmi se avesse avuto bisogno di qualcosa, visto che anche io avevo avuto dei problemi simili nelle fasi iniziali della mia carriera.

Non capisco il comportamento che sta avendo nell’ultimo periodo. Non so bene perché lo faccia. Io lo rispetto e penso che non sia un cattivo ragazzo, ma a volte commette degli errori”. Infine, Novak è tornato sulla sconfitta subita contro Dominic Thiem al Roland Garros: “Non è stato facile digerire quella sconfitta in semifinale, ci ho messo quasi un giorno, ero triste e deluso.

Mancava poco per raggiungere una nuova finale Slam. Con il passare dei giorni mi sono sentito meglio, avere una famiglia mi aiuta molto in questo senso”.