Srdjan Djokovic: “La missione di Novak è diventare il GOAT”


by   |  LETTURE 4408
Srdjan Djokovic: “La missione di Novak è diventare il GOAT”

In un’intervista a ‘RS’ il padre di Novak Djokovic, Srdjan, ha rivelato che suo figlio è stato invitato dal presidente della Russia Vladimir Putin ad assistere ad una partita di Hockey.

Tuttavia, il 15 volte campione Slam ha dovuto declinare l’invito. “Novak era impegnato a giocare a tennis, si concentra solo su quello perché ha la missione di diventare il più grande tennista di tutti i tempi”, ha dichiarato Sdrjan, che successivamente ha parlato del suo rapporto con la Russia: “Sono stato solo una volta in Russia quando la Coppa Davis si è tenuta a Mosca.

Il mio desiderio è di tornarci di nuovo, per visitare San Pietroburgo. Ho un amico lì, Gennady Timchenko, mi ha salvato la vita sei anni e mezzo fa. Avevo una sepsi, dove mi trovavo non avevano gli strumenti per prendersi cura di me, così mi aiutò mettendo a disposizione il suo aereo per andare a Monaco.

Se avessimo aspettato qualche altro giorno, sarei morto. E’ un grande uomo, che ama la Serbia e la sua popolazione”. Infine, Srdjan ha ricordato quando lui e la sua famiglia sono sopravvissuti alla guerra: “Novak aveva 12 anni, giocava nei campi da tennis del Partizan.

C’erano dei criminali che creavano disordine negli ospedali, nel centro della città… il fatto che abbiano sparato al mio paese e alla mia famiglia è cosi disumano che mi lascia senza parole. Tutto deve essere perdonato, ma non dimenticato”.