Djokovic: "Ho ritrovato l'amore per il tennis, grande sfida con Pouille"


by   |  LETTURE 5860
 Djokovic: "Ho ritrovato l'amore per il tennis, grande sfida con Pouille"

Non poteva andare meglio di così a Novak Djokovic. Il tennista serbo, dopo il duro match disputato contro Daniil Medvedev lo scorso lunedì, è rimasto in campo per soli 50 minuti a causa del ritiro di uno stremato Kei Nishikori; raggiungendo così la decima semifinale agli Australian Open.

È fantastico essere di nuovo in semifinale a Melbourne” , ha detto Djokovic in conferenza stampa. “Questo è il torneo del Grande Slam in cui ho ottenuto maggior successo nel corso della mia carriera.

Nishikori era palesemente in difficoltà dal punto di vista fisico. Se fosse stato al meglio, avrebbe sicuramente combattuto fino all’ultimo punto, perché è un top 10 ed ha già battuto grandi giocatori in tornei importanti.

Mi dispiace vederlo soffrire così, ma penso il tutto sia dovuto alle lunghe partite disputate in precedenza”. Djokovic affronterà in semifinale un ritrovato Lucas Pouille, che ha sconfitto Milos Raonic in quattro set.

L’ho sempre considerato un giocatore di grande qualità. È fantastico quello che è riuscito a fare in questo torneo, ha battuto campioni come Raonic e Coric. Il suo potenziale è altissimo, merita di essere tra i primi 15 giocatori al mondo, forse anche tra i primi 10.

Sarà divertente giocare per la prima volta l’uno contro l’altro. Ci siamo allenati molte volte insieme, speriamo sia una grande partita”. Ripensando alla situazione vissuta lo scorso anno a Melbourne, con i problemi legati all’infortunio al gomito, Djokovic ha aggiunto: “Ho dovuto scavare in profondità per ritrovare l’amore e la passione per il tennis.

Ho avuto molto dubbi sul prosieguo della mia carriera, ma sapevo di non voler smettere. I ricordi e le emozioni che provo quando gioco sono state determinanti. Naturalmente, anche il supporto della famiglia e degli amici è stato essenziale.

Spero di continuare così”. Kei Nishikori ha invece espresso tutto il proprio rammarico per aver lasciato il torneo in questo modo. “Prima della partita stavo bene” , ha spiegato in conferenza il giapponese.

Non ero al 100% , ma pensavo di avere le mie possibilità. Dopo i primi 3-4 giochi, mentre stavo servendo le gambe hanno iniziato ad essere troppo pesanti. Non riuscivo più a piegare le ginocchia e saltare, quindi ho deciso di fermarmi.

Sono molto deluso, sicuramente hanno inciso le partite lunghe giocate la scorsa settimana. È difficile perdere così, proverò a rialzare la testa”.