Novak Djokovic: "Tra il 2008 e il 2010 ho superato alcuni ostacoli mentali"


by   |  LETTURE 1172
Novak Djokovic: "Tra il 2008 e il 2010 ho superato alcuni ostacoli mentali"

Novak Djokovic, impegnato questa settimana a Doha, ha risposto ad una domanda molto complessa con la sua solita saggezza e profondità. Al tennista serbo è stato chiesto qual è stato il più grande ostacolo che ha dovuto superare per affermarsi ad alti livelli nel circuito ATP.

Se devo tracciare una linea è darti una risposta precisa, probabilmente ti direi che l’aspetto mentale è stato l’ostacolo più grande da affrontare” , ha detto Djokovic. “Ma è difficile semplificare così la risposta, non è così semplice.

Ci vuole tempo, è un percorso che ognuno vive ed attraversa in modo diverso. Sono stato molto fortunato ad entrare in top 100 quando ero giovane. In un certo senso, sono arrivato anche in top ten abbastanza velocemente, nel giro di due anni.

Ci sono stati importanti punti di svolta e grandi vittorie che mi hanno aiutato. Penso al torneo di Miami dove ho battuto di fila quelli che erano i primi tre giocatori del mondo. Alcuni tornei e certe vittorie contro i migliori, influenzano la tua sicurezza ed hanno un grande impatto sulla tua futura carriera.

Improvvisamente, ti senti come se fossi più forte, senti di poter fare qualsiasi cosa. Quando ho vinto il mio primo Major nel 2008, avevo 20 anni e poi tutto è arrivato molto velocemente. Per i successivi tre anni, non sono stato in grado di ripetermi.

Tutto deriva da questi grandi ostacoli mentali da superare e da come li affronti per la prima volta nella tua vita”.