Novak Djokovic: "Ho risposto male, non riuscivo a leggere il suo servizio"


by   |  LETTURE 4433
Novak Djokovic: "Ho risposto male, non riuscivo a leggere il suo servizio"

Dal nostro inviato a Toronto

Abbastanza tranquillo Novak Djokovic in conferenza stampa dopo la sorprendente eliminazione alla Rogers Cup di Toronto per mano del Next Gen greco Stefanos Tsitsipas. Il fuoriclasse serbo si è presentato davanti ai giornalisti in seguito alla vittoria ottenuta nel doppio assieme al sudafricano Kevin Anderson.

“Direi che è positivo concludere la giornata con un successo in doppio dopo la delusione rimediata oggi nel singolare”, ha infatti esordito l’ex numero uno al mondo. “Penso che Tsitsipas abbia giocato davvero bene, ha meritato senza dubbio la vittoria. La mia prestazione invece non è stata granchè, specialmente dalla riga di fondo.

Non ho nemmeno risposto bene. Sto rientrando in forma dopo Wimbledon, ma ci vorrà del tempo. Quindi approfitterò delle sessioni di allenamento e dei match di doppio per prepararmi bene in vista di Cincinnati”.

A stupire oggi è stata soprattutto la scarsa efficienza di Nole in risposta, se si considera che il belgradese ha concluso la gara senza mai strappare il servizio al rivale (non gli accadeva addirittura da Roma 2017). “Lui ha servito alla grande, ci eravamo allenati insieme tre o quattro volte, ma non avevamo mai disputato un incontro ufficiale. Le sensazioni sono completamente differenti. Ha trovato con successo gli angoli, mentre io non sono mai riuscito a leggere le sue traiettorie a dire il vero”.

Non sono ovviamente mancati i complimenti al suo giovane avversario: “Lui è naturalmente uno degli esponenti principali della Next Gen. Non c’è alcun dubbio su questo, specialmente per quello che sta facendo vedere nel 2018. Ha ottenuto alcuni risultati di spicco oltre a vittorie sorprendenti.

Stiamo parlando di un ragazzo molto disciplinato nel modo di lavorare. Ha passato molte ore in palestra e sul campo per migliorare, e adesso sta raccogliendo i frutti del suo lavoro. Ha davvero un grande talento, non a caso era il miglior junior al mondo. Se riuscirà a continuare su questa strada, avrà un futuro radioso davanti a sé”, ha commentato Novak prima di concedersi alla televisione serba.