Novak Djokovic: "Ripenso agli ultimi 15 mesi, tutto quello che ho passato"


by   |  LETTURE 3990
Novak Djokovic: "Ripenso agli ultimi 15 mesi, tutto quello che ho passato"

E' stato il regolamento, non Novak Djokovic e Rafael Nadal, a decidere che alla prosecuzione dell'incontro oggi bisognava continuare al coperto, seppur fuori c'era il sole con 27 gradi di temperatura.

Lo spagnolo voleva che il tetto fosse aperto, Djokovic no. "Ero per il tetto - ha spiegato Nole - perchè è così che abbiamo iniziato a giocare, e volevo continuare nelle stesse condizioni.

Non gliel'ho chiesto. Ho solamente espresso la mia opinione perchè me lo hanno chiesto. Ma da quanto ho capito, già avevano preso una decisione. Gli organizzatori del torneo e i giudici avevano detto che il tetto doveva essere chiuso perchè abbiamo iniziato la partita col tetto chiuso". Su ciò che significa per lui questo match: "Credevo nella vittoria ma sapevo che lui stava giocando molto bene e che poteva succedere qualsiasi cosa.

Quando affronti uno come Rafa, ogni punto è come se fosse l'ultimo, devi essere preparato e soprattutto mantenere la calma, perchè altrimenti si comincia a mettere male. E' stata una grande lotta, da scriverci un libro.

Ho avuto momenti di dubbi, frustrazione e delusione quando ho perso il quarto set per piccoli errori. Ma ho continuato a pensare che potevo vincere. Mi vengono in mente alcuni flashback degli ultimi 15 mesi, tutto ciò che ho passato per essere qui". Sulla finale con Kevin Anderson, reduce dalle 6 ore e 35 con John Isner: "Sarà molto dura. Spero che entrambi potremo giocare (ride, ndr) visto che le nostre partite sono durate tanto.

Lui ha avuto un giorno libero, io no, ma proverò a riposare al meglio".