Matteo Berrettini è una certezza sull'erba: l'incredibile dato che lo testimonia

Numeri importanti per il tennista romano, che ora vuole aggiudicarsi anche il derby con Musetti

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Matteo Berrettini è una certezza sull'erba: l'incredibile dato che lo testimonia
© Patrick Smith/Getty Images

Non si ferma Matteo Berrettini e raggiunge la semifinale a Stoccarda, battendo l’australiano Jordan Duckworth. Con una prova di grande solidità l’azzurro si è assicurato la sfida nel penultimo atto del torneo con il connazionale Lorenzo Musetti, che ha beneficiato del ritiro di Alexander Bublik.

Il tennista romano conferma ancora una volta la sua efficacia sull’erba. Un dato in particolare testimonia questa realtà: 7 quarti giocati su questa superficie, 7 incontri vinti. Numeri importanti per Berrettini, che domani giocherà la sua terza semifinale a Stoccarda, torneo che ha vinto sia nel 2021 che nel 2022.

Matteo è riuscito a vincere per ben due volte anche il Queen’s, storico torneo che si gioca pochi giorni prima di Wimbledon.

Le parole di Matteo Berrettini dopo la vittoria

L’ex numero 6 del mondo è apparso particolarmente soddisfatto dopo questa prestazione: “Penso che sia stata davvero una prestazione solida da parte mia, specialmente al servizio dove ho avuto un buon ritmo e non ho mai concesso palle break, ma anche in risposta ho cercato di rispondere sempre in campo e di mettere pressione al mio avversario”.

Poi gli viene chiesto perché risulta essere così efficace su erba. Matteo risponde prima simpaticamente, poi entra nel dettaglio: “Dovreste chiedere agli avversari (ride). No, penso per le mie armi principali ovviamente, come il servizio e lo slice.

Giocare aggressivo su questa superficie paga, ma è fondamentale soprattutto giocare bene nei momenti importanti. Poi ogni volta che scendo in campo su erba, mi sento bene e vorrei giocare per ore", ha concluso.

Matteo Berrettini
SHARE