Matteo Berrettini, super salto nel ranking: a Stoccarda può volare

Il torneo tedesco da sempre regala grandi emozioni al tennista

by Redazione
SHARE
Matteo Berrettini, super salto nel ranking: a Stoccarda può volare
© Vaughn Ridley/Getty Images

Massimo Ranieri cantava anni fa 'Erba di casa mia' e probabilmente è quello che sente ogni volta che calca questa superficie il tennista azzurro Matteo Berrettini. L'ex numero 6 al mondo sta provando pian piano a rientrare nelle parti alte della classifica e questa settimana ha già raggiunto la semifinale nel torneo Atp di Stoccarda, evento dove ha già vinto in due occasioni e un torneo che gradisce particolarmente.

Il tennista romano quest'anno ha già vinto un torneo a Marrakech ma per il resto è stato costantemente alle prese con problemi fisici e situazioni che lo hanno costretto a restare ai box e saltare tornei su terra come Roma e Roland Garros.

Matteo è tornato per giocare sulla sua erba e dopo qualche fatica iniziale ha trovato la quadra ed ha raggiunto le semifinali del torneo Atp di Stoccarda. Grazie a questo risultato Matteo ha guadagnato ben 21 posizioni nel ranking Atp ed è ora a ridosso della Top 70.

In caso di vittoria del torneo l'azzurro realizzerebbe un grandissimo salto e si porterebbe a essere nuovo numero 55 al mondo. Un ottimo modo per prepararsi in vista di Wimbledon dove - anche se non sarà testa di serie - Matteo è tra gli uomini più attesi del torneo.

I tifosi non vedono l'ora di vederlo in campo e sperano in una sua totale rinascita: d'altronde con il numero uno al mondo Jannik Sinner e con Matteo, oltre a tanti giovani interessanti, l'Italia è davvero in buone mani.

Il tennista azzurro aveva parlato così dopo la vittoria su Shapovalov e l'accesso ai Quarti di finale: "Entrambi torniamo dopo aver avuto diversi infortuni, per questo credo che lui presto riuscirà a rientrare nella top 20 ed è quello che gli auguro, così come spero di farlo anche io.

È stato un ottimo test comunque e sono felice di essere ai quarti. Sapevo di dover giocare il mio miglior tennis per batterlo, e oggi l'ho fatto".

Matteo Berrettini
SHARE