Matteo Berrettini: "La strada è lunga ma sono stati fatti buoni passi, ora a Miami"

Post su Instagram del tennista italiano dopo la finale nel Challenger di Phoenix: "Grazie a tutti per il supporto"

by Andrea Tebaldi
SHARE
Matteo Berrettini: "La strada è lunga ma sono stati fatti buoni passi, ora a Miami"
© Vaughn Ridley-Getty Images

Raramente ci sono attenzioni così importanti per un Challenger come è avvenuto la scorsa settimana per il 175 di Phoenix in Arizona. Un torneo che ha catalizzato l'attenzione degli appassionati soprattutto italiani perché mentre le grandi firme del tennis mondiale si giocavano il titolo a Indian Wells a non troppe ore di auto dalla California c'è stato il ritorno in campo di Matteo Berrettini.

Un ritorno in campo molto atteso dopo un lungo periodo out che ha fatto seguito all'infortunio rimediato all'Us Open 2023 nella partita contro Rinderknech. Un ritorno che era stato più volte rinviato ma che adesso è avvenuto.

E con una settimana nella quale Matteo Berrettini è stato assoluto protagonista. Riuscendo a vincere addirittura quattro partite in fila, inanellando diverse rimonte e peccato che la finale contro il portoghese Nuno Borges non sia andata nella direzione auspicata.

Si è visto un Matteo Berrettini competitivo che ha già iniziato a recuperare posizioni nel ranking Atp nel quale è già passato alla posizione 142. Ma soprattutto è stata una settimana molto positiva che ha fatto vedere come Berrettini sia sulla strada giusta per potere tornare a competere non nei tornei Challenger ma nei tornei che contano.

Il post Instagram di Matteo Berrettini: "Una settimana positiva dopo tanti mesi lontani dal tour"

Il tennista romano spostandosi ora dall'Arizona, da Phoenix, alla Florida dove prenderà parte al torneo Master 1000 di Miami ha deciso di affidare i suoi pensieri ai social.

In un post Instagram, Berrettini ha scritto: "Una settimana complessivamente positiva dopo tanti mesi lontani dal tour. La strada da percorrere è lunga ma sono stati fatti dei buoni passi e sono felice di essere nella giusta direzione.

Adesso torniamo al lavoro. Grazie per tutto il supporto. Lo apprezzo davvero tanto. Sto andando a Miami". A Miami Berrettini è chiamato a dare continuità al suo percorso di crescita anche se ovviamente le sfide sono di ben altro livello rispetto al Challenger di Phoenix.

Il destino gli ha messo davanti Andy Murray. Proprio quell'Andy Murray che causò una sconfitta molto dolorosa per il romano all'Australian Open 2023 dopo 5 set di battaglia. Ma ora Berrettini punta a scrivere una nuova pagina della propria carriera.

Matteo Berrettini Challenger
SHARE