Berrettini, parla il suo fisioterapista: "Stiamo vedendo il Matteo del 2021"

A Wimbledon il tennista azzurro ha ritrovato condizione e risultati e prepara la sfida contro Alcaraz agli ottavi

by Martina Sessa
SHARE
Berrettini, parla il suo fisioterapista: "Stiamo vedendo il Matteo del 2021"

È un Matteo Berrettini sorprendente quello che si sta vedendo a Wimbledon. Uscito in lacrime due settimane fa dal campo di Stoccarda, venendo sconfitto al primo turno da Lorenzo Sonego, all’All England Club ha ritrovato condizione fisica e fiducia, mostrando il miglior tennis degli ultimi due anni.

“Stiamo vedendo il Matteo del 2021 qui a Wimbledon, fiducioso e con un enorme desiderio”, dice Ramón Punzano, suo fisioterapista e membro della squadra di Matteo Berrettini in una lunga intervista rilasciata a Atp Tour.

“Veniamo da mesi difficili da gestire, alla ricerca di soluzioni ai problemi di infortunio di Matteo, la cui mente è concentrata sulla competizione e sul tennis”. “Dopo un periodo difficile da sopportare, siamo arrivati a Londra in un momento difficile”, ha proseguito Punzano, parlando del difficile primo turno di Wimbledon contro Sonego: “Avevamo di fronte una prima partita contro uno dei suoi migliori amici al Tour e c'è ancora molta emozione nella nostra squadra sapendo che due settimane fa Matteo ha subito una dolorosa sconfitta contro Lorenzo”.

La sfida con Alcaraz

“Matteo ha iniziato a sentirsi meglio, a piacersi e a credere di avere una possibilità", ha detto il fisioterapista. “Ha iniziato a mostrare più fiducia in campo, con un ottimo atteggiamento e abbastanza ottimismo per essere competitivo.

È un torneo che ti consuma e ti trasporta attraverso la storia di questo sport e penso che questo abbia contribuito a motivarlo e, ovviamente, è una superficie su cui Matteo normalmente si sente a suo agio e gli piace”, ha proseguito sul tennista azzurro.

Per Punzano ora arriva la sfida personale più difficile: il suo tennista Berrettini contro il suo connazionale Alcaraz. “È speciale, anche per me perché è contro uno spagnolo, che attualmente è anche il numero 1 al mondo.

“Penso che Matteo si senta davvero bene ed è fiducioso nel suo tennis, che questo è un posto dove si sente bene e dove ha già fatto grandi cose. Quindi ha la fiducia necessaria per competere con chiunque e crede di poter fare un buon risultato”, ha concluso il fisioterapista spagnolo. Photo credits: Getty Images

Wimbledon Alcaraz
SHARE