Pietrangeli: "I tennisti di oggi sono troppo ricchi. Berrettini? Meglio di così… "

L'ex campione italiano si è soffermato sulla nuova generazione di tennisti

by Antonio Frappola
SHARE
Pietrangeli: "I tennisti di oggi sono troppo ricchi. Berrettini? Meglio di così… "

“Berrettini? Mi sembra che si stia dedicando più alla pubblicità che al tennis. È un bravo ragazzo, ma è un po' com'era Adriano Panatta: fantastico dalla vita in su, ma le gambe... “ . Nicola Pietrangeli non ha speso parole di grande ammirazione nei confronti di Matteo Berrettini dopo la prematura eliminazione agli Australian Open.

L’ex campione italiano pensa che il romano non riesca più a esprimersi a determinati livelli a causa delle “distrazioni” legate allo status raggiunto anche al di fuori del rettangolo di gioco.

Pietrangeli: "I tennisti oggi sono troppo ricchi"

Pietrangeli, durante la cerimonia del Premio Enzo Bearzot, ha esteso il suo discorso e fatto riferimento alla nuova generazione di tennisti.

L’ex capitano di Coppa Davis, nelle parole raccolte dall’agenzia di stampa ANSA, ha spiegato: “Berrettini sta bene. È ricco, bello, giovane, ed è fidanzato con una bella ragazza: meglio di così, come può stare? I tennisti di oggi sono un po’ troppo ricchi.

Non è una critica, anzi beati loro, però hanno mille distrazioni e vivono in un’epoca che forse non hanno ben capito quanto sia fortunata. Questo discorso vale anche per il calcio” . Pietrangeli si è poi soffermato sui tennisti italiani.

Hanno buone possibilità di andare avanti, ma se conoscessi il nome del vincitore andrei a scommettere. Spero che un italiano vinca al più prestigioso un torneo del Grande Slam. Jannik Sinner è il migliore: è forte e ha la testa di un tedesco” .

Pietrangeli ha infine dedicato un pensiero al premio alla carriera che gli è stato consegnato nel corso della cerimonia al Maschio Angioino di Napoli. "Un premio calcistico per la prima volta ad un atleta di un altro sport: un altro dei miei record.

Avrei una dozzina di ragioni per ringraziarvi, ma ve ne taglio sei o sette perché sarebbe troppo lungo. Stare di fronte a questa platea è un piacere e un onore" . Photo Credit: Getty Images

SHARE