Matteo Berrettini spiega quanto è difficile affrontare Djokovic e Nadal

I precedenti contro Nadal e Djokovic lo hanno visto sempre sconfitto

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Matteo Berrettini spiega quanto è difficile affrontare Djokovic e Nadal

Il 2022 di Matteo Berrettini è stato contraddistinto da tanti infortuni che ne hanno condizionato il rendimento e di conseguenza la classifica finale. Il tennista romano nonostante le numerose defezioni fisiche, a cui si è aggiunta la positività al covid che gli ha impedito di partecipare a Wimbledon, si è confermato come uno degli uomini da battere sull’erba, avendo conquistato Stoccarda e per la seconda volta il Queen’s.

The Hammer, cosi soprannominato, in virtù della potenza dei suoi colpi, ha voglia di riprendersi la luce dei riflettori e la Top 10, che aveva raggiunto nei due anni precedenti. Lo scorso anno il cammino di Berrettini agli Australian Open si interruppe in semifinale, dove venne estromesso da Rafael Nadal, che poi conquistò il suo 21esimo Slam.

Uno degli aspetti sui quali lavorerà e cercherà di migliorare sarà gli scontri diretti contro i cosiddetti “top player” dai quali è uscito sconfitto. 2 gli incontri persi su altrettanti match disputati contro Nadal, 4 su 4 invece i precedenti contro Novak Djokovic.

Berrettini si racconta

In una recente intervista rilasciata con AAP, Berrettini ha parlato dei precedenti contro di loro e della nuova stagione alle porte, che lo vedrà impegnato alla United Cup. Infine le parole sul feeling con l’Australia, che ospiterà il primo Major dell’anno: “Penso che riguardi anche l'esperienza.

Più giochi contro di loro, più impari a batterli. Quando ho giocato contro Novak a Wimbledon, penso che fosse la sua 30esima finale slam. Quella per me è stata la mia prima. Ovviamente è anche un grandissimo giocatore, quindi non è mai un compito facile.

Mi sono sentito, e mi sento, super onorato di giocare contro di loro. Spero di vincere la prossima volta. Mi sento più fiducioso e sto facendo grandi cose negli slam ", ha confidato. Berrettini inaugurerà la stagione partecipando alla United Cup e rappresenterà l'Italia in Coppa Italia, insieme a Marco Bortolotti, Lucia Bronzetti, Lorenzo Musetti, Camila Rosatello, Martina Trevisan e Andrea Vavassori.

La squadra sarà capitanata dal suo allenatore, Vincenzo Santopadre. "Da questo evento acquisterò molta fiducia per avere una lunga corsa agli Australian Open" ha raccontato sull’evento che lo vedrà impegnato dal 29 Dicembre.

“Mi piace giocare in Australia. Mi piacciono le condizioni. Mi piace la folla e l'energia. Ho sempre avuto bei ricordi qui. L'Italia ha avuto una bel percorso anche in ATP Cup, raggiungendo la finale (nel 2021), quindi è bello essere qui.

Spero di acquisire molta fiducia da questo evento e di fare bene agli Australian Open”ha concluso. Photo Credit: Getty Images

Matteo Berrettini
SHARE