Australian Open, Berrettini lancia la sfida a Djokovic e Nadal. "Ho fiducia"

Matteo Berrettini dopo un 2022 non semplicisssimo è pronto a ripartire. Prima l'impegno in United Cup con l'Italia, poi la 'vera' stagione sul cemento blu australiano. Obiettivo? Migliorare e battere i migliori

by Perri Giorgio
SHARE
Australian Open, Berrettini lancia la sfida a Djokovic e Nadal. "Ho fiducia"

Matteo Berrettini è pronto a ripartire. Dopo una stagione decisamente complicata, macchiata dal forfait a Wimbledon e dagli infortuni, il numero due azzurro ricoprirà il ruolo di leader nella United Cup prima di iniziare veramente la trasferta australiana e di difendere i quarti di finale sul blu di Melbourne Park.

La squadra azzurra dovrà convivere nel Girone E con Brasile e Norvegia: in soldoni, il passaggio del turno appare decisamente alla portata. "Mi piace giocare in Australia, mi piacciono le condizioni, mi piace il pubblico e mi piace soprattutto l'energia che questo posto riesce a trasmettermi" ha detto il tennista azzurro alla stampa locale.

"Ho dei bei ricordi con l'Italia in competizioni di questo genere, abbiamo raggiunto la finale nel 2021 quindi è bello essere qui di nuovo con questi ragazzi. La mia speranza ovviamente è quella di accumulare partita, fiducia e confidenza in vista dell'impegno a Melbourne" ha spiegato con una certa serenità.

Per Berrettini sarà appena la diciottesima presenza Slam in carriera. Numeri ancora giovani per il tennista romano, che peraltro è diventato il primo italiano a raggiungere quanto meno i quarti di finale in tutti gli eventi.

Tra questi l'atto finale a Wimbledon contro Novak Djokovic nel 2021. Nonostante la presenza dei mostri sacri come Nadal e appunto il serbo (oltre che di tutto il nuovo pacchetto) il tennista azzurro sente di avere una chance o quanto meno di poter competere alla pari con tutti.

"Penso sia quasi esclusivamente una questione di esperienza. Più giochi contro i grandi, più migliori, più impari a capire come batterli. E poi a farlo davvero. Quando ho giocato contro Novak a Wimbledon penso fosse la sua trentesima finale Slam.

Per me era la prima. Ovviamente è anche un giocatore straordinario, quindi non è solo questo. A ogni modo per me è stato un onore ed è tutt'ora un onore giocare contro di loro, spero di vincere la prossima volta" ha spiegato prima di parlare delle ambizioni in vista del primo appuntamento Major della stagione.

"Ho sempre più fiducia nelle mie capacità e negli Slam sto arrivando spesso in fondo, quindi non posso che essere entusiasta all'idea di avere un'altra chance qui" ha concluso.

Australian Open Matteo Berrettini
SHARE