"Gli ho detto quello che pensavo". Berrettini svela il messaggio inviato a Seppi



by   |  LETTURE 16546

"Gli ho detto quello che pensavo". Berrettini svela il messaggio inviato a Seppi

Matteo Berrettini a tutto campo giovedì sera dopo il successo su Carballes Baena negli ottavi di finale di Napoli. Con un pensiero per Seppi: «Gli ho detto quello che pensavo».

Matteo Berrettini tra Seppi e Fognini

In cerca dello sprint di fine stagione, poco prima di pranzo Matteo Berrettini tornerà in campo nei quarti di finale del torneo di Napoli contro il giapponese Taro Daniel, numero 95 del mondo.

2-1 il conto dei precedenti, due vittorie in fila per Matteo nel 2021 tra Belgrado e Roland Garros. Alle spalle la buona prestazione su Carballes Baena, un 6-4, 6-2 che sa di piccola rivincita dopo la magra prestazione di Firenze.

Il romano è stato così molto disponibile con i giornalisti nel dopogara, spaziando su alcuni temi caldi, tra cui il finale di carriera di Andreas Seppi e il bagno di Fabio Fognini. Uno di questi riguarda Andreas Seppi, privato dalla FIT delle Wild Card per Firenze e Napoli, ultime tappe della sua carriera.

Un rifiuto, rivelato dal giocatore su Instagram, che ha scatenato indignazione anche a livello internazionale. Berrettini non si è sottratto alle domande dei giornalisti, come riportato da Lorenzo Ercoli: «Ho mandato un audio a Seppi l'altra sera.

Gli ho detto quello che pensavo, che è un esempio per tutti dentro e fuori dal campo. Per vent'anni ha giocato ad un livello altissimo. Nei precedenti siamo 1-1, si ritira e la chiudiamo così» con risata finale.

Sui social ha spopolato invece la foto di Fabio Fognini, che dopo il successo al primo turno su Grenier è stato immortalato al mare dopo un bagno ristoratore. Il sole d’altronde riscalda la città del Golfo, ma siamo sempre al 21 ottobre.

Così Berrettini: «Fognini ha fatto il bagno? Io ho già fatto la doccia, lui ha il fisico per poterlo fare. Io mangerò una pizza, se poi il torneo dovesse andare come spero farò anche il bagno». Una promessa, che tutti si segneranno sul loro personalissima taccuino.