"Idolo d'infanzia": Matteo Berrettini rimarca l'ammirazione per Roger Federer



by   |  LETTURE 2770

"Idolo d'infanzia": Matteo Berrettini rimarca l'ammirazione per Roger Federer

Dopo la partecipazione dello scorso anno, è pronto a rivivere le emozioni della competizione, probabilmente ancora più forti visti i campioni al via di questa nuova edizione. Matteo Berrettini sta cavalcando il sogno della Laver Cup, che gli darà l'opportunità di giocare in una calda e pienissima O2 Arena di Londra e di condividere momenti davvero indimenticabili coi Fab 4 (Roger Federer, Rafael Nadal, Novak Djokovic, Andy Murray, tutti insieme uniti nello stesso evento per far esaltare i fan e portare in alto il nome del team Europe).

Sarà un'occasione speciale proprio perché è legato all'ultimo ballo del 41enne svizzero, che ha deciso di disputare un ultimo doppio con l'amico spagnolo Rafael Nadal. 'The Hammer' ha raccontato tutte le emozioni che sta provando in questi giorni in un'intervista rilasciata a Eurosport.

Le affermazioni di Matteo

"Secondo me ancora devo realizzare bene quello che sta succedendo. È troppo bello per essere vero. Però alla fine credo di essermelo meritato, gli sforzi e i sacrifici di questi anni mi hanno portato a essere qui, al di là del fatto di giocare oppure no.

È importante partecipare a questa manifestazione e sarà bellissimo, sono sicuro che ci sarà un'atmosfera pazzesca" ha dichiarato. Su Re Roger e i tre/quattro che hanno dominato la scena del tennis per circa 20 anni: "Non ho mai nascosto che Federer è stato il mio idolo fin dai tempi dell'infanzia.

Uno dei motivi per cui ho scelto di fare il tennista professionista. Essere qui mi fa venire i brividi. Insomma, vale davvero la pena vivere questi momenti. È pazzesco, non avrei mai pensato di poter essere accanto a loro e condividere questi momenti.

Loro mi parlano come se fossi uno di loro, mi fa uno strano effetto. Allo stesso tempo devo realizzare che è così e cercare di dare il mio meglio. Sto cercando di apprendere e imparare tanto da loro, perché questo tipo di opportunità non capitano tante volte nella vita.

Sono veramente felice di essere qui" ha aggiunto. Sull'attuale condizione: "Mi sento in forma, sto bene. Però, a parte questo aspetto, è bello essere qui e godersi ogni minuto come se fosse l'ultimo" ha concluso.