Paolo Bertolucci spiega i motivi della sconfitta di Matteo Berrettini vs Ruud



by   |  LETTURE 13153

Paolo Bertolucci spiega i motivi della sconfitta di Matteo Berrettini vs Ruud

Si ferma a Gstaad la striscia positiva del tennista azzurro Matteo Berrettini. Il tennista romano, alla sua terza finale consecutiva dopo le vittorie a Stoccarda e al Queen's e dopo la positività al Covid-19 che lo ha costretto a dare forfait nello Slam di Wimbledon, cede in tre set contro il norvegese Casper Ruud.

Il tennista nordico si mostra ancora una volta molto abile nei tornei Atp 250 e vince in rimonta. Berrettini vince il primo set ma cede alla distanza mentre Casper non molla mai di un centimetro e bissa così il successo del 2021.

Nel post partita il tennista azzurro ha commentato il ko subito ed ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Non è facile parlare, congratulazioni a Casper e al suo team. State facendo un grande lavoro e una stagione incredibile, con la finale al Roland Garros.

Buona fortuna per proseguire in questo modo e con questi risultati il resto del 2022. Grazie al pubblico che mi ha supportato dal primo all'ultimo punto di questo torneo, questa volta non ce l'ho fatta ma vi ringrazio comunque per il vostro sostegno, l'ho apprezzato tantissimo" ha commentato.

Poi ha aggiunto: "Uno dei 250 più belli dell'intero circuito, dovevo giocare anche il doppio con mio fratello Jacopo ma si è fatto male. Cercheremo di tornare anche l'anno prossimo per divertirci nuovamente.

Non ero sicuro neppure di giocare questo torneo e vedermi col trofeo della finale è qualcosa di incredibile"

Il tweet criptico di Paolo Bertolucci su Berrettini

Attraverso il proprio account Twitter l'ex tennista Paolo Bertolucci ha provato a chiarire il motivo della sconfitta del tennista azzurro.

Un tweet che Bertolucci ha fatto durante il match, ma che, anche a gara finita, ha un importante significato. Ecco il suo messaggio social, tweet che ha raccolto diversi consensi:

Bertolucci ha evidenziato una cosa che è apparsa chiara agli occhi di tutti, e ovvero che una volta calato il rendimento al servizio gli scambi tendevano ad allungarsi.

Qui, soprattutto sulla terra battuta, Ruud, finalista all'ultimo Roland Garros, ha avuto vita facile ed ha conquistato cosi l'ennesimo torneo degli ultimi mesi.