"È l'esatto contrario": Matteo Berrettini commenta il ritorno alla vittoria



by   |  LETTURE 9604

"È l'esatto contrario": Matteo Berrettini commenta il ritorno alla vittoria

Dopo il forfait obbligatorio arrivato a Wimbledon Matteo Berrettini torna in campo. L'azzurro ha dovuto rinunciare al torneo più atteso a causa del Covid, era reduce da un gran momento e c'è voluto tempo per smaltire la delusione.

Ora il tennista azzurro è tornato più carico che mai nel torneo svizzero di Gstaad. La testa di serie numero 2 del torneo (la prima è il norvegese Casper Ruud) ha debuttato con un doppio 6-4 contro l'esperto tennista francese Richard Gasquet.

Grazie a questo successo Matteo ha raggiunto i Quarti di finale all'EFG Swiss Open di Gstaad, torneo a lui molto caro. Per Berrettini è la seconda vittoria in altrettanti precedenti contro il tennista dal rovescio magico.

Le dichiarazioni di Berrettini al termine del match

Al termine del match ha parlato così il tennista azzurro ed ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Ho dei bei ricordi qui, ho vinto il mio primo titolo Atp qui e mi piacciono molto queste condizioni di gioco.

Devo dire che vengo direttamente da tornei sull'erba e questo per me è l'esatto contrario, ma mi piace la pallina quando salta in questo modo. Penso che questo torneo sia molto adeguato al mio stile di gioco ed in particolare al mio servizio.

Inoltre qui ci sono molti tennisti che vengono a sostenermi, ho sentito molto italiani, sono davvero felice di essere qui e mi sto davvero divertendo" Ancora una volta il tennista azzurro mostra di avere nel servizio la sua arma principale, sette ace ed una percentuale di quasi l'80 % con la prima di servizio e il tutto chiuso in un'ora e mezza di gioco.

Al prossimo turno Matteo Berrettini affronterà il tennista spagnolo Pedro Martinez, vincitore in una battaglia di tre set contro lo svedese Ymer. Nel 2018 Berrettini vinse il torneo senza perdere un set ed ora continua la sua striscia positiva, sia a Gstaad che su erba.

L'obiettivo del tennista azzurro, da qui magari alla fine dell'anno, è tornare in Top Ten e magari diventare il numero uno italiano, superando l'amico-rivale Jannik Sinner.