IL SEGRETO DEL SUCCESSO IN CARRIERA DI KEVIN ANDERSON IN 10 PUNTI



by   |  LETTURE 3239

IL SEGRETO DEL SUCCESSO IN CARRIERA DI KEVIN ANDERSON IN 10 PUNTI

Sono stato fortunato a lavorare per 3 anni con Kevin: un giocatore disciplinato, appassionato, umile e rispettoso.

Non possiede il “talento naturale” di alcuni, ma ha un'etica di lavoro che è al di sopra di molti.

Questo è il motivo perché ho tanto rispetto per lui.

Kevin ha raggiunto la finale degli Stati Uniti dove ha perso con il 22x Grand Slam Champion, Rafael Nadal.

Di seguito vi elenco 10 motivi che mi sembrano essere stata la chiave del suo successo:

1. Kevin è concentrato al 100% nel processo e nel viaggio verso il successo.

È aperto ai suggerimenti che lì da il suo team ed è coachable. Ascolta e prende tutto in considerazione .

2. Fornisce al suo team domande utili e utilizzabili. Mi piace quasi paragonarlo ad un pilota di Formula 1 che dà al suo team di meccanici informazioni su come ottenere la macchina migliore, più veloce e più affidabile.

Inoltre è circondato di un team che capisce i propri ruoli, non ha ego e fornisce comunicazioni coerenti, efficaci e chiare tra di loro.

3. È altamente disciplinato nella sua carriera e nel suo stile di vita quotidianamente. In "principi fondamentali" come il sonno, l'alimentazione, ecc.

4. Ha sviluppato routine e abitudini come i primi giocatori al mondo.

5. Ha la capacità di gestire e godere della ripetizione.

6. Ama allenarsi, non solo competere. Tiene sotto controllo tutto il tempo, il suo modo di giocare, la sua mentalità, il suo linguaggio e le routine.

7. Rimane sempre incredibilmente positivo e ottimista, non importa quale sia il punteggio. Capisce che non è mai finita e fa che dev e essere il suo avversario a guadagnarsi la partita.

8. Dedica tanto tempo e  tutti i giorni ai momenti dedicati al riscaldamento e defaticamento-stretching. (Anche dopo aver PERSO la finale contro Rafa Nadal negli USA Open)

9. Desidera conoscere il 'PERCHE' di tutto. Non in modo irrispettoso, ma in modo curioso e profondamente interessato.

10. Non è MAI soddisfatto del 'BUONO'. Vuole il GRANDIOSO!. Vuole (e richiede) il meglio da se stesso e dal suo team, ogni giorno.

Soprattutto, Kevin non ha ego ed è estremamente umile.

Allistair McCaw Page