L'ASPETTATIVA DEL RISULTATO



by   |  LETTURE 5725

L'ASPETTATIVA DEL RISULTATO

Cos’è quel carburante che spinge alcune persone a compiere delle attività che richiedono dei sacrifici e/o degli sforzi enormi? magari ad alzarsi alle 5 di mattina per andare a correre prima di iniziare a lavorare. O a lavorare fino a tardi alla sera per completare un progetto importante a cui tengono. Probabilmente è la motivazione personale. E’ la convinzione che con il duro lavoro si possano aumentare le prestazioni o la qualità del lavoro svolto. Quindi si possano ottenere risultati migliori. Di conseguenza ci sarà una ricompensa più attraente.

Se un tennista si concentra troppo sulla vittoria si distoglie da quello che deve fare per ottenere il risultato desiderato, non significa che non si deve sapere dove si vuole andare o essere in grado di visualizzarlo nella mente.

Proprio su questo si basano le aspettative del risultato e la visualizzazione.

Avere aspettative di risultato significa concentrarsi sull'esito che prevediamo.

Se crediamo che le cose funzioneranno, intraprendiamo una competizione o anche un allenamento con un atteggiamento positivo e fiducioso. In altre parole, ci aspettiamo un risultato positivo. Al contrario, se prevediamo una situazione difficile, il nostro atteggiamento sara' influenzato da questa convinzione e agiremo di conseguenza, spesso creando l'esito previsto.

E' un po' come la differenza tra chi vede il bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto: sono due modi diversi di considerare la stessa situazione.

La differenza non sta nel bicchiere d'acqua, ma nella mentalita' di chi lo guarda.

Se vedete il bicchiere mezzo pieno, in sostanza considerate il mondo in questa maniera e a sua volta il mondo vi riservera' questa visione: in sostanza, vedrete le opportunita' offerte da ogni situazione.

Vediamo la partita di tennis.

Se pensate che tutto andra' per il meglio, vi preparerete per ogni colpo con fiducia e fluidita' per adattare il tiro e fare punto o indurre l'avversario in errore. Quindi tutto sara' fluidamente rivolto al raggiungimento dell'obiettivo.

Se invece vi aspettate un risultato negativo, il vostro atteggiamento, rispecchiera' l'aspettativa.

Il cervello non fa differenza tra cio' che pensiamo e cio' che viviamo, percio' se immaginiamo o pensiamo a qualcosa legato al passato o al futuro, in un certo senso viviamo quell'esperienza e tutte le emozioni che scatena.

Quando si e' molto calmi e focalizzati sul momento presente e si crea nella mente un'esperienza che si desidera rivivere al di fuori di se' (in altre parole un'aspettativa di risultato) accadono due cose:

1- si prova mentalmente l'esperienza

2- il corpo assimila quell'esperienza

E' un atteggiamento e apprendimento molto diverso dalla focalizzazione ansiosa sulla vittoria.