Migliora il tuo tennis con il dialogo interiore



by   |  LETTURE 17971

Migliora il tuo tennis con il dialogo interiore

Il miglioramento delle capacità mentali è da tempo riconosciuto come un fattore determinante per raggiungere buone prestazioni e deve quindi essere assolutamente introdotto nella preparazione degli sportivi. Stiamo parlando dell’inserimento nel programma di allenamento di tecniche e strategie che aiutino a migliorare le qualità mentali che stanno alla base di una buona performance nelle competizioni sportive.

Una delle tecniche fondamentali utilizzate per allenare la mente ha come principale strumento il dialogo interiore, definito da Hackfort e Schwenkmezger come “il dialogo attraverso il quale interpretiamo le nostre sensazioni e le nostre percezioni, regoliamo e modifichiamo le nostre valutazioni e le nostre convinzioni e soprattutto diamo a noi stessi direttive e incoraggiamento."

Si possono distinguere due tipi di dialogo interiore: il dialogo direttivo e quello motivazionale, utilizzabili con scopo diverso a seconda del contenuto del dialogo stesso.

Si parla di dialogo interiore motivazionale quando il dialogo ha appunto un contenuto motivazionale, ossia ha come scopo motivare, spronare, aumentare la sicurezza interiore e stimolare l’impegno. Nella Tennis World Academy insegniamo ai nostri allievi a lavorare su questo aspetto motivazionale introducendo come routine alla fine di ogni punto una parola di incoraggiamento come “Forza!”, “Ce la fai!”, “Continua così!” indipendentemente dall’esito dello scambio. È importante far capire ai giocatori che questo tipo di messaggio serve a trovare le energie interiori per non mollare e allo stesso tempo far notare all’avversario la vostra attitudine competitiva.

Parliamo invece di dialogo interiore direttivo, quando ci diamo quelle istruzioni interiori che servono ad aumentare e reindirizzare l’attenzione e la concentrazione a seconda di quello che dobbiamo fare in campo, sia in partita che negli allenamenti. Uno degli esercizi che eseguiamo quotidianamente alla nostra Accademia è quello della creazione di parole chiave da utilizzare perché il ragazzo possa fornire a se stesso delle istruzioni specifiche in campo tecnico, tattico, fisico e mentale.

Per esempio, un giocatore che deve cercare di colpire la palla più in alto con il dritto, potrebbe scegliere proprio le parole “in alto” per ricordarsi questa indicazione, che ripeterà in allenamento proprio un attimo prima di eseguire quel colpo. Con questo esercizio il giocatore, anche solo ricordandosi “in alto”, si ricorderà di quello che deve fare. Le parole possono avere anche un contenuto tattico come “piazzamento” o fisico come “veloce” o mentale “coraggio”. Quando i giocatori hanno delle parole chiave, possono annotarle anche su un foglio di carta per averle sempre presenti anche durante la partita.

A proposito, alcuni giocatori considerano un buon sistema quello di scrivere queste parole chiave sul palmo della mano o sul bordo della racchetta, per potersele ricordare anche durante le fasi più concitate del match. Questa tecnica viene usata anche da molti professionisti.

Lavorando su entrambe le tipologie di dialogo interiore, i giocatori saranno sempre più motivati e saranno sempre più in grado di incoraggiarsi; allo stesso tempo otterranno risultati migliori nell’esecuzione e nella precisione dei colpi grazie alle parole chiave che ricordano loro cosa devono fare.