Come preparare la volée con due semplici movimenti


by   |  LETTURE 7829
Come preparare la volée con due semplici movimenti

Molto spesso i maestri cercano di  insegnare la volée con istruzioni troppo complesse, soprattutto per quanto riguarda il movimento delle gambe e come coordinarle con le braccia. La gran parte del movimento, invece, può avvenire in modo spontaneo seguendo semplicemente questa progressione che vi sto per illustrare.

Preparazione alla volée “step by step”.

Ecco una sintesi di quello che è stato spiegato nel video.

Primo step: preparate la volée aprendo il polso a 45 gradi.
1.  Posizionate i piedi alla larghezza delle spalle per essere in equilibrio. Cercate anche di sentire bene i piedi che poggiano sul terreno. In questa prima parte di esercizio non dovrete muovere le gambe.

Per farvi capire cosa vuol dire avere il polso aperto e rilassato, come faccio di solito, esagererò un po' il movimento. In questo caso dovrete ruotare il polso sia a destra che a sinistra di circa 90 gradi. Lasciate semplicemente cadere la mano che impugna la racchetta prima da una parte e poi dall'altra.

2. Adesso dobbiamo trovare la giusta posizione del polso, che dovrà essere inclinato di circa a 45 gradi dalla verticale. Sposate la racchetta da una parte all'altra fino a farle formare un angolo di circa 45 gradi.

Secondo step: ruotate il corpo di circa 45 gradi per essere pronti a colpire la volée.

Questo succede perché mentre aprite il polso e ruotate il corpo, la mano si aprirà ancora un po', rivolgendo la racchetta proprio verso la rete. Da quella posizione sarete pronti a eseguire la volée.

Ripetete lo stesso procedimento dalla parte del rovescio. Inizialmente eseguite due movimenti distinti: primo step (aprire il polso) e secondo step (ruotare il corpo). Poi uniteli in un unico movimento fluido.

SE VUOI APPROFONDIRE: I segreti della Volèe
La volée è uno dei colpi più belli ed efficaci nel tennis, ed è essenziale per diventare un giocatore completo a tutto campo e non essere costretto a palleggi interminabili a fondocampo o a rischiare colpi improponibili con il diritto nel tentativo di accorciare lo scambio

Continuate a provare per un paio di minuti da entrambi i lati in modo che il vostro corpo capisca bene cosa deve fare.

Quando inizierete a ricevere delle palle, non avrete molto tempo per ragionare su quello che dovete fare, per cui il movimento dovrà essere già automatizzato.

Quando inizierete a colpire la palla, fate in modo che vi venga lanciata dopo che avrete eseguito il primo step (apertura del polso).

Alla fine dell'esercizio aspettate la palla con la racchetta verticale davanti a voi e provate a ruotare a seconda di dove vi viene lanciata. L'immagine mentale  di come eseguire la  volée e dove piazzarla sarà oggetto di un altro articolo. Per il momento cercate solo di colpire la palla delicatamente, indirizzandola leggermente verso l'alto con un po' di slice.

Inizialmente vi consiglio di imparare a colpire la volée lentamente e provare a velocizzare l'esecuzione solo in una seconda fase. Soprattutto in singolare, infatti, vi capiterà di giocare molte più volée di tocco, in cui dovrete cercare di indirizzarle verso un punto preciso del campo, piuttosto che colpirle di potenza per chiudere lo scambio.  Per cui, dal mio punto di vista, la cosa principale da imparare all'inizio è colpire in slice indirizzando la palla leggermente verso l'alto. Gli altri tipi di volée saranno costruiti sulla base di questo primo modello.

La prossima volta che scenderete in campo, provate questa tecnica e fatemi sapere come va. Nei prossimi articoli parleremo della parte tecnica rimanente e del tocco.