Il dritto di Kirsten Flipkens


by   |  LETTURE 1742
Il dritto di Kirsten Flipkens

PUNTO 1

Pur non essendo alta di statura, Kirsten Flipkens riesce a colpire fortissimo, soprattutto di dritto. Tutto parte dalla rotazione della spalla. La Flipkens sposta il piede destro e ruota la spalla (mentre la racchetta va indietro).

PUNTO 2

La Flipkens inizia il movimento in avanti. La mano sinistra lascia la racchetta, lei la solleva continuando la torsione, ruotando le spalle ancora di più. Tiene il gomito destro vicino al corpo (non c’è molta distanza qui tra il braccio e il busto). Avrà così un ottimo controllo della racchetta e un movimento rilassato.

LEGGI ANCHE: Come deve essere il dritto moderno? Quali sono i segreti per eseguirlo? Ho un’apertura “stile ATP”?

PUNTO 3

Mentre inizia la torsione del busto in senso opposto e inizia a muovere in avanti la racchetta, la Flipkens fa scendere la testa della racchetta per spazzolare la palla verso l’alto. Il gomito resta vicino al corpo.

Porta in avanti il piede destro, spingendosi un po’ verso l’alto subito prima di colpire la palla. La mano sinistra resta davanti al corpo, per non fare aprire troppo presto le spalle.

PUNTO 4

Questo è un impatto perfetto, proprio al centro del piatto corde e ben posizionato in avanti rispetto al corpo. La Flipkens continua a guardare la palla anche se adesso le spalle e i fianchi sono allineate alla rete.

La parte superiore del corpo si muove come un tutt’uno, gli arti sono composti e non ci sono movimenti inutili. Lo swing compatto diventa così ancora più potente.

LEGGI ANCHE: La regola del diritto a novanta gradi

PUNTO 5

Nella parte finale del colpo, la Flipkens estende il braccio destro, mentre la testa della racchetta sale verso l’alto. La testa resta fissa.

PUNTO 6

La Flipkens atterra sulla gamba destra. In generale è davvero impressionante quanto controllo riesca a dare con la mano sinistra che resta vicino al corpo.