SEI MOTIVATO? ALLORA SEI MOLTO RESILIENTE!


by   |  LETTURE 4070
SEI MOTIVATO? ALLORA SEI MOLTO RESILIENTE!

La resilienza e' una dimensione cognitiva della motivazione: e' la capacita' di mantenere la motivazione costante ed elevata nonostante le avversita' o i cambiamenti.

Un esempio che tutti fanno e' riguardo ai giovani: si dice che oggi abbiano poche motivazioni. Ma non e' che hanno poche motivazioni, ma hanno abbassato l'asticella della resistenza: si arrendono subito al primo imprevisto. Quindi hanno una resilienza bassa, per cui non riescono a far durare la motivazione a dispetto di tutte le difficolta'.

La resilienza e' cognitiva in quanto ciascuno di noi “vede” il mondo e i problemi in maniera completamente diversa e interpreta le risorse che ha a disposizione come ottime o scarse.

Ogni interpretazione genera comportamenti differenti.

Per esempio, una persona che pretende che tutto vada perfettamente in automatico, si espone a vivere situazioni di alta frustrazione. Mentre un'altra che ha minori pretese sara' molto meno esposta allo stress .

LEGGI ANCHE: IL DESIDERIO E L'INTENZIONE DI FARCELA

Tornando al tennis, una caratteristica dei tennisti che hanno realizzato grandissime prestazioni e' quella di concepire il fallimento, il disagio o l'imprevisto come una parte del gioco e non come un'esperienza destabilizzante: in altre parole sono capaci di settare le aspettative in modo realistico.

Quindi esiste un legame molto forte tra motivazione intrinseca e resilenza: chi e' spinto dall'automotivazione ha una resilenza molto piu' accentuata.

Condizioni che per qualcuno sono “stressanti” non appaiono come tali a chi e' governato dalla motivazione intrinseca.

Un professionista puo' allenarsi per 10 ore al giorno senza vedere la cosa come un castigo divino.

La stessa sveglia che suona tutte le mattine quale prova dell'odio dell'universo nei nostri confronti, nei giorni in cui possiamo soddisfare le nostre passioni, puo' anche suonare due ore prima e fara' parte della nostra giornata felice.