SOGNARE L’IMPOSSIBILE SOGNO


by   |  LETTURE 3124
SOGNARE L’IMPOSSIBILE SOGNO

Come potevo sapere che i miei due semplici campi da tennis situati a Victory Park si sarebbero un giorno trasformati nella più grande struttura di formazione atletica al mondo?
Come avrei potuto immaginare che iniziando in questi due campi, a North Miami Beach, Florida mi avrebbero portato un giorno ad costruire una struttura di formazione a Bradenton, che avrebbe ospitato 10 dei migliori giocatori di tennis del mondo?
Chi avrebbe potuto prevedere che.

con questi inizi modesti. un giorno sarebbero diventati la IMG Academy,dove si allenano i migliori atleti al mondo, in quasi una dozzina di sport?

Solo un sognatore; qualcuno che non ha messo limiti alla sua immaginazione! La mia vita è stata una serie di opportunità; sia realizzate sia perse.

Immaginate questo:
1. Io sono entrato in campo da tennis come istruttore per caso. Ho giocato a tennis del College, ma non sapevo come insegnarlo.
2. Dovevo guadagnare qualche soldo per sostenere mia moglie e mio figlio, mentre frequentava l'Università di Miami Law School.
3.

Non sapevo nulla di tennis e ancor meno su come insegnarlo.
4. Ho imparato guardando l'allenatore più rispettato della zona di Miami: il suo nome era Slim Harbett ed era insegnante presso Henderson Park.
5. Ho ascoltato con attenzione e copiato le sue tecniche.

Nel corso del tempo ho sviluppato le mie tecniche di insegnamento e ben presto, rendendomi conto che avevo un occhio per il talento e ancora piu’ capacita’ di riconoscere i problemi tecnici.
6. Ho imparato che fare piccoli aggiustamenti era molto più efficace di apportare grandi modifiche .

Gli studenti sono migliorati in modo più rapido e non hanno sofferto l'angoscia di uno stravolgimento del loro gioco.

LEGGI ANCHE: QUALI OBIETTIVI PER UNA PRESTAZIONE ECCELLENTE?
Cito due esempi: Cheryl Smith ha vinto il Torneo Nazionale U14 della USTA.

Cheryl era una giocatrice di fondo campo. Brian Gottfried preferiva servire e andare a rete per chiudere con una volee ed è diventato uno dei migliori giocatori al mondo.
Sì, sono sempre stato un sognatore.


Ben oltre quello che noi chiameremmo normale ambizione, ho rinunciato a grandi opportunità per raggiungere i miei obiettivi. Per esempio, ho abbandonato la scuola di legge, dopo soli 3 mesi, rendendomi conto, pur avendo del talento per gli studi legali (potrei vendere sabbia nel deserto), che non era il mio destino.


Mio zio, Tony De Filippo, che era a capo del dipartimento di servizi igienico-sanitari nella città di North Miami Beach, e il suo migliore amico, Frank Sepedi, che ha il Commissario dell’Acqua della città, hanno contribuito a sistemare quel piccolo, impianto di tennis malmesso.

. Con il loro supporto, il mio piccolo complesso è diventato un impianto a 8 campi e l’illuminazione. Riuscite ad immaginarlo: due grandi lavoratori, due grandi italiani!
Poco a poco ho iniziato a capire come insegnare il tennis ed ho realizzato che: "Non ci sono due giocatori uguali." I miei migliori studenti sono stati Brian Gottfried, Cheryl Smith, Margie e David Gengler, George e Randi Shuert, Paul Kantrowich, Joe Szucs e pochi altri.

In poco tempo, il mio nome è diventato famoso per i risultati eccellenti dei miei allievi. Un‘altra grande occasione mi fu offerta: l'incarico di direttore tennis nella la città di Springfield, Ohio.

Il programma era solo estivo e si era guadagnato la reputazione di uno dei migliori programmi per ragazzi in America. 1.500 giovani, con completi bianchi, partecipavano ogni settimana ai corsi; anche se i ragazzi pagavano $0,50 per viaggiare sul bus, le lezioni erano completamente gratuite.
Ho trascorso diversi anni nei vari tennis club fino a quando un'altra occasione si è presentata.

Con il sostegno della famiglia Passarell, sono diventato il direttore di tennis di Laurance Rockefeller Hotel (Rock Resorts). Insegnare a Portorico mi ha dato l'opportunità di incontrare alcune delle persone più influenti del mondo.

Alcuni di questi erano: Bob Kraft, proprietario dei Patriots di Boston, Louis Marx, il cui padre possedeva Marx Toys. (che mi fece il prestito di $ 2 milioni per costruire Nick Bollettieri Tennis Academy), Vince Lombardi, allenatore dei Green Bay Packers, Carolina Murphy, la famiglia Horowitz (che mi avrebbero poi sostenuto in tutti i miei progetti legati alla tennis academy), Dan Lufkin, la famiglia Carlson, la famiglia Landow, e la famiglia Zausner (che costrui la Port Washington la Tennis Accademia per me).

LEGGI ANCHE: GESTIRE LO STRESS AGONISTICO
Mi resi conto che le altre accademie tennis erano più grandi, avevano camere, area intrattenimento , ed altro. Il mio impianto aveva un paio di campi, una parete di roccia, un distributore della Pepsi Cola e un ombrello che serviva come pro shop.


Ma mi sono poi reso conto che il successo dipendeva dalla mia disponibilità a dedicare la mia vita a questo sport; conoscere i ragazzi e le loro famiglie. Inoltre ho capito che il "successo" ha diversi significati.

Per alcuni, significava imparare a un gioco per tutta una vita; per altri significava accedere alla squadra tennis del liceo o dell’università; per altri ancora significava ottenere una borsa di studio o giocare nel circuito professionisti.


E’ risultato ben chiaro per me che le aspirazioni dei giocatori avevano molto a che fare con il risultato dei loro sforzi.
Ho avuto una carriera straordinaria ed ho aiutato migliaia di giocatori a realizzare i loro sogni.

Ho avuto dieci giocatori numero uno nel mondo e migliaia di persone che hanno raggiunto il lsuccesso o risultati a cui aspiravano.
Devo aver fatto qualcosa di giusto: il mio nome e’ stato inserito nella International Tennis Hall of Fame.

Inoltre, anche nella Black Tennis Hall of Fame a riconoscimento di decenni di impegno nei tennis clubs cittadini delle citta’ Americane e le mie collaborazioni con i programmi umanitari della Arthur Ashe.

Chi potrebbe ambire ad una vita più gratificante… by Nick Bollettieri