Qual'è la differenza tra “volontà” e “resilienza”?


by   |  LETTURE 3471
Qual'è la differenza tra “volontà” e “resilienza”?

Sai cos’è la “resilienza”?

È un termine usato il molti campi, dall’ingegneria all’informatica e persino alla biologia, ma in ambito sportivo indica la capacità di lavorare sodo, mantenendo la motivazione al livello più elevato possibile per tutto il tempo necessario al raggiungimento del tuo obiettivo principale.

Nella definizione di resilienza sono contenuti quattro concetti fondamentali, che fanno la differenza tra un buon atleta e un Atleta Vincente:
- Lavorare sodo
- Motivazione
- Tempo
- Obiettivo principale

Qual'è la differenza tra “volontà” e “resilienza”?

La volontà è il motore che ti consente di puntare ai tuoi obiettivi con costanza e determinazione, affrontando sacrifici talvolta importanti in termini di ore di sonno perse, relazioni sociali compromesse e dolori fisici.

La resilienza, invece, è il carburante del motore volontà, è una forza ancora più intensa che ti permette di mantenere costanti motivazione e volontà anche quando i risultati tardano ad arrivare e ti verrebbe voglia di smettere. È la capacità straordinaria, tipica delle persone vincenti, di rialzarsi dopo ogni errore, aumentare ancora di più l’impegno per migliorarsi e diventare così sempre più bravi.

Il “segreto” della resilienza è tutto qui: ho sbagliato - reagisco - posso migliorare

Vuoi saperne di più?

Guarda il video

Ciao

Federico

----

Grazie a un accordo di collaborazione editoriale tra Tennis World Italia e Massimo Binelli, Mental Coach di atleti olimpionici, ideatore del progetto AtletaVincente.com e autore del bestseller “Atleta Vincente. Strategie e tecniche per diventare campioni nello sport e nella vita”, vi riproponiamo le sue Pillole di Coaching