Bertolucci spiega la sconfitta di Jannik Sinner: "Medvedev l'ha vinta tatticamente"

L'ex tennista critica in parte il ko del numero uno al mondo

by Redazione
SHARE
Bertolucci spiega la sconfitta di Jannik Sinner: "Medvedev l'ha vinta tatticamente"
© Adam Pretty/Getty Images

La corsa di Jannik Sinner nel torneo di Wimbledon si è arrestata ai Quarti di finale. Il numero uno azzurro era l'uomo più atteso, c"erano grosse speranze di vederlo alzare il trofeo ma le cose non sono andate come previsto e Jannik, complice anche qualche problema fisico non da poco, ha ceduto in cinque set al tennista russo Daniil Medvedev.

Importante rivincita per Daniil, reduce da cinque sconfitte consecutive nei precedenti e soprattutto da quella cocente battaglia persa in finale agli Australian Open. Sulle colonne della Gazzetta dello Sport l'ex tennista e ora opinionista Paolo Bertolucci ha commentato la prestazione di Jannik e la contemporanea vittoria ai Quarti, dopo un grande risultato, di Jasmine Paolini.

L'Italia del tennis vive un grandissimo momento e Bertolucci sottolinea: "Il tormento e l'estasi. Il pomeriggio di Wimbledon ci aveva lasciato con l'amaro in bocca per Sinner e ci ha svoltato la serata con la partita perfetta di Jasmine Paolini che ottiene una semifinale storica sul tempo dell'erba".

Bertolucci sottolinea: "A Jannik sono arrivati i complimenti di Sinner che ha trovato nella vittoria della connazionale un piccolo motivo di conforto dopo la sconfitta. I Big Three hanno fornito per anni una visione distorta dello sport, facendo credere che si potesse vincere sempre e comunque.

Non è così, la sconfitta contro il numero 5 al mondo ed ex numero uno è una cosa normale. È vero poi che a Wimbledon non abbiamo mai visto la versione esplosiva di Jannik, ovvero quella dei primi quattro mesi della stagione: lo stop contro Medvedev ha una motivazione tattica, il russo si è avvicinato di più alla riga di fondo per dettare lo scambio anziché subirlo e servivano magari maggiori variazioni che Jannik ha invece utilizzato raramente".

Jannik Sinner
SHARE