Jannik Sinner: "Più che al numero uno sto ancora pensando alla sconfitta con Alcaraz"

Le prime parole dell'altoatesino da numero uno del mondo

by Antonio Frappola
SHARE
Jannik Sinner: "Più che al numero uno sto ancora pensando alla sconfitta con Alcaraz"
© Tim Goode/Getty Images

"Più che al numero uno del mondo sto ancora pensando alla partita con Carlos Alcaraz in semifinale a Parigi. Domenica ho visto un po’ della finale, e ho fatto un po’ fatica perché comunque mi sarebbe piaciuto di più essere lì.

Sto ancora metabolizzando: adesso mi interessa questo. Il trofeo di numero uno mi piace ma purtroppo domenica non sono riuscito ad essere nel posto dove averi voluto stare. Parigi" . Le prime parole di Jannik Sinner da numero uno - nell'intervista rilasciata al quotidiano Il Corriere della Sera - sono da quel tipo di numero uno che non vuole fermarsi dopo aver conseguito un importante obiettivo.

La mente dell'altoatesino è già proiettata al futuro - nello specifico al torneo di Wimbledon - e alle prossime sfide, perché l'orizzonte dei suoi sogni non conosce limiti.

Sinner: "Il ragazzo di Sesto Pusteria è diventato numero uno al mondo, ma non cambierà"

"È andata così, succede.

È una grande lezione per me: mi fa capire dove devo lavorare e dove devo migliorare. Nulla di drammatico. Oggi mi godo il trofeo da numero uno del ranking" , ha continuato Sinner che proverà a trasformare la sconfitta con Alcaraz in semifinale al Roland Garros in una nuova lezione.

Ora è interessante vedere quanto a lungo riesco a rimanere numero uno, verificare come mi comporto ad Halle, il prossimo appuntamento, poi c’è Wimbledon e sono curioso di scoprire come giocherò a Londra.

L’anno scorso sull’erba ho fatto una fatica incredibile, già il primo torneo sul verde mi dirà molto. Poi ci saranno altri obiettivi, quelli non mancano mai. Mi sento sopra una montagna, e di fronte ne vedo già un’altra da scalare.

Non vedo l’ora di tornare in campo: non c’è niente al mondo che mi piaccia di più di giocare a tennis. Il ragazzo di Sesto Pusteria è diventato numero uno al mondo, ma non cambierà" .

Jannik Sinner Alcaraz
SHARE