Schiavone esalta l'attitudine di Jannik Sinner: "Dovrebbero seguire il suo esempio"

L'ex campionessa azzurra è tornata al Foro Italico ed ha parlato del tennista altoatesino

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Schiavone esalta l'attitudine di Jannik Sinner: "Dovrebbero seguire il suo esempio"
© Daniel Pockett/Getty Images

La giocatrice italiana Francesca Schiavone, ex numero 4 del mondo e campionessa del Roland Garros 2010 oltre che finalista della successiva edizione del torneo parigino, si occupa ora di plasmare nuove stelle del futuro del tennis.

L’ex tennista milanese ha recentemente annunciato la nascita di un nuovo progetto a Varese, lo ’Schiavone team Lab”, un laboratorio che avrà il via da settembre e si occuperà di allevare e crescere i campioni del futuro, inculcando loro i valori dello sport Intervistata ai microfoni di Sky Sport Schiavone ha parlato del movimento tennistico italiano, in grandissima ascesa, che vede ovviamente in Jannik Sinner il suo esponente di spicco: “Dopo Panatta c'è stato silenzio per tanti anni, poi ci siamo state io, Pennetta, Vinci ed Errani.

Adesso ci sono questi giovani che ci stanno regalando uno splendido spettacolo. Jannik in particolare ha un approccio al tennis davvero encomiabile. Tutti dovremmo prendere esempio da lui per come affronta le partite. Ogni partita ha una sua storia.

Che lui giochi a Parigi, Roma, New York, è sempre un’espressione di ciò che hai allenato e di ciò che sei.

Roma in continua crescita, anche grazie a Sinner

In riferimento agli Internazionali di Roma, Francesca ha espresso questo punto di vista: “E’ un evento straordinario, cresce ogni anno nell’organizzazione che nel pubblico, sempre più appassionato a questo sport, che è esploso nel nostro paese, grazie soprattutto alle imprese di Sinner.

Ritornare al Foro Italico è sempre speciale, ma fa specie non vedere fenomeni come Rafael Nadal, Roger Federer e Novak Djokovic. Hanno dato vita a battaglia epiche, mi mancano un po’ ma riconosco che i tennisti di oggi danno vita ad uno spettacolo diverso", ha concluso.

Jannik Sinner
SHARE