Adriano Panatta: "Jannik Sinner e Carlos Alcaraz sono i nuovi Federer e Nadal"

L'ex tennista azzurro ha parlato dell'inizio di stagione del nuovo numero due del mondo

by Gianluca Ruffino
SHARE
Adriano Panatta: "Jannik Sinner e Carlos Alcaraz sono i nuovi Federer e Nadal"
© Clive Brunskill-Getty Images

Tutti pazzi per Jannik Sinner. Il tennista azzurro è entrato nei cuori dei tifosi italiani, portando entusiasmo e interesse verso uno sport che in Italia non aveva mai ricevuto tanto seguito quanto oggi. Merito di una crescita partita lo scorso anno, diventata dominio nel 2024, con Jannik che ha ottenuto vittorie prestigiose, perso una sola partita e guadagnato la seconda posizione del ranking.

Mai nessun tennista italiano aveva ottenuto questi risultati, neppure una leggenda come Adriano Panatta. Il campione del Roland Garros 1976, in un editoriale redatto per Ok Tennis, ha speso delle parole di stima per il 22enne italiano, una sorta di sigillo sulle straordinarie qualità del connazionale che promette di fare la storia del tennis nostrano.

Le parole di Adriano Panatta

Panatta ha elogiato i traguardi ottenuti da Sinner, diventato “divoratore” di record. “Il ragazzo, un pezzetto alla volta, s’è preso il tennis italiano, i suoi record, tutti, ed è naturale che prima o poi avrebbe dato la scalata anche al tennis mondiale.

Ne ha la facoltà, con quel po’ po’ di colpi che tira. Anzi, è già a buon punto, dopo essere stato quarto nel ranking per poche settimane, poi terzo, ora è secondo. Gli va dato atto che gli obiettivi di cui parla, quelli che realmente vuole raggiungere, sono altri.

Punta alla propria crescita, vuole diventare un tennista ogni giorno migliore” ha scritto l’ex tennista italiano. L’attuale opinionista televisivo ha poi continuato: “È un fenomeno da osservare, Sinner, di sicuro il più grande colpitore dalla linea di fondo campo degli ultimi venti anni.

Ma non sono stupito di quante belle cose tecniche, tattiche e mentali abbia aggiunto al proprio tennis, piuttosto mi sorprende la reazione degli avversari. Li vedo devastati, […] perché hanno scoperto, o stanno scoprendo, l’angoscia di doverlo incontrare.

I più vanno in campo già col fiatone, con le paturnie. Di fatto, già battuti. Djokovic, Medvedev, e nella finale di Miami anche Dimitrov, che ha un tennis davvero bello. A un certo punto anche lui ha mollato, a metà del secondo set ha capito che il match era già finito da un pezzo”.

Secondo Panatta, solo un avversario potrà resistere negli anni alla furia di Jannik Sinner. “Tutti, tranne uno, Alcaraz, non solo perché è l’unico ad averlo battuto quest’anno, ma perché più giovane di due anni e tennista eccezionale.

Oggi forse Sinner gli è superiore, ma di poco. Il tennis del futuro se lo giocheranno tra loro due, sono i nuovi Federer e Nadal” ha concluso la leggenda azzurra.

Adriano Panatta Jannik Sinner Carlos Alcaraz
SHARE