Bertolucci su Jannik Sinner: "Arrivare in semifinale sta diventando una routine"

L'ex tennista italiano ha elogiato le gesta del ragazzo di San Candido

by Gianluca Ruffino
SHARE
Bertolucci su Jannik Sinner: "Arrivare in semifinale sta diventando una routine"
© Michael Owens/Getty Images

Battere Jannik Sinner oggi è un’impresa per tutti. Il tennista altoatesino sta vivendo un periodo di onnipotenza tennistica, con la maturazione tattica che l’ha portato a diventare ormai praticamente imbattibile (almeno negli ultimi 4 mesi).

19 vittorie consecutive, due titoli vinti quest’anno, tra i quali il suo primo slam, e la possibilità di allungare la striscia a Indian Wells, dove ad attenderlo in semifinale ci sarà il campione in carica Carlos Alcaraz.

Un altro atto della rivalità più entusiasmente del tennis odierno e di quello del futuro, con in palio, oltre ad un posto in finale, anche la seconda piazza del ranking. Nella rubrica ‘Volèe di rovescio’, pubblicata sulla Gazzetta dello Sport, un’altra leggenda del tennis italiano come Paolo Bertolucci ha lodato il 22enne altoatesino, commentando il suo successo ai quarti di finale del Master 1000 americano contro Lehecka e analizzando il suo stato di forma.

Le parole di Paolo Bertolucci

L’ex tennista italiano ha evidenziato la disarmante naturalezza con cui l’attuale numero tre riesce ad imporsi sui propri avversari. “Per Jannik Sinner rendere facili partite che sulla carta possono nascondere insidie sta diventando una piacevole routine.

Contro i giocatori di buon livello - diciamo piazza tra il numero 20 e il numero 30 del ranking - il 2 set a 0 è per lui ormai una regola” ha scritto Bertolucci. L’approdo in semifinale ormai non fa più notizia.

Entrare tra i primi quattro di un torneo sta diventando per lui come entrare a casa: oggi è difficile immaginarlo, in qualsiasi torneo, fuori da quel contesto. E poi, rispetto alla concorrenza, tra coloro che sono rimasti in lizza a Indian Wells è un pochino favorito.

Il percorso, insomma, è quello giusto” ha commentato Bertolucci. L’ex numero 12 al mondo ha infine concluso: “Jannik, poi è una certezza pure caratterialmente. È sempre molto freddo e attento, impermeabile a quello che gli accade intorno.

Felice col suo team e con la sua famiglia. E come dichiarato, è a posto con la propria coscienza solo quando si allena duramente. È diventato preda per tutti: chi lo batterà, poi sarà posto almeno per tre mesi. Ma riuscirci sta diventando ogni giorno più difficile”.

Paolo Bertolucci Jannik Sinner
SHARE