Angelo Binaghi e lo spiazzante messaggio nei confronti di Jannik Sinner



by REDAZIONEMIA

Angelo Binaghi e lo spiazzante messaggio nei confronti di Jannik Sinner
© Clive Brunskill/Getty Images

Jannik Sinner ha tanti meriti in questo 2023. Oltre a vincere diverse competizioni importanti e diventare numero quattro al mondo il numero uno azzurro ha il merito di aver riportato l'interesse sul tennis e in questo momento - dati di audience alla mano - potremmo dire che il tennis è lo sport più seguito in Italia dopo il calcio.

I numeri per le Atp Finals e le finali di Davis sono entusiasmanti e tutti sperano che questo momento possa essere l'inizio di una nuova rinascita del tennis italiano. Nella serata di ieri si sono tenute le premiazioni di fine anno con il galà dei Supertennis Awards e Jannik non poteva che essere l'assoluto protagonista.

Durante l'evento ha parlato anche il presidente della FIT Angelo Binaghi e sebbene abbia elogiato il gran lavoro dell'azzurro c'è una parte che non tutti hanno gradito. Il presidente ha voluto elogiare la grandissima stagione di Jannik ma innalzando gli obiettivi ha forse esagerato e in tanti hanno colto uno sguardo perplesso del numero uno azzurro.

Binaghi ha dichiarato: "Siamo la tua grande famiglia, allargata e puoi contare sempre su di noi", poi il presidente ha però continuato: "Dobbiamo andare avanti, io credo che oggi dobbiamo andare ad un altro sogno, dopo aver aspettato 47 anni per riportare in Italia questa coppa".

E a riguardo ha chiarito: "Ora bisogna vedere che sogno dare alla nostra gente, innanzitutto... Vogliamo rimanere secondi tutta la vita, e senza la grande gioia di uno Slam? Restare secondi dietro al calcio e a Novak Djokovic?".

Poi ha proseguito: "Io penso che bisogni ragionare più in grande". Il messaggio di Binaghi è stato in parte apprezzato da chi voleva un'ulteriore spinta e conforto verso il nostro numero uno ma in parte criticato con pressioni ulteriori che alcuni ritengono eccessive.

Per molti sui social lanciare questo messaggio a un ragazzo di soli 22 anni è sembrato eccessivo, soprattutto citando una leggenda come Novak Djokovic. Insomma il presidente ha fatto un piccolo autogol sebbene tutti comprendono sia stato fatto in buona fede.

Jannik Sinner