Binaghi e le polemiche su Jannik Sinner: "L'obiettivo non è la Coppa Davis ma..."



by LUCA FERRANTE

Binaghi e le polemiche su Jannik Sinner: "L'obiettivo non è la Coppa Davis ma..."
© Clive Brunskill/Getty Images

In un'intervista rilasciata al Guerin sportivo, Angelo Binaghi ha voluto tornare sulla polemica di due mesi fa nata per la scelta di Jannik Sinner di rinunciare a giocare la fase a gironi di Bologna in Coppa Davis. Le critiche non hanno fatto decisamente piacere al presidente della Fitp, che ha lanciato verso tutti un messaggio davvero importante: "Vorrei sollecitare tutti, partendo dai grandi ex campioni come Pietrangeli fino agli altri che ora esultano, di rileggersi le dichiarazioni di due mesi fa e riflettere.

Per noi non è cambiato nulla e l’avevo detto a Bologna. Il nostro obiettivo non è vincere la Davis, ma avere un giocatore che sia nei primi tre al mondo per i prossimi 10 anni, che vinca gli Slam. Questo ci cambia la storia, non una Coppa Davis seppur ne arriveranno altre di conseguenza" ha evidenziato.

Secondo il 63enne di Cagliari "bisogna tenere vivo il principio della Nazionale, dando risorse, strumenti, struttura ma guardando alla programmazione individuale di professionisti super impegnati e stressati dal punto di vista fisico come i campioni del tennis di oggi".

Spezzata una lancia anche a favore di Filippo Volandri: "Il ruolo del capitano, pur avvantaggiato dalla qualità, è diventato ancora più complicato. Belle problematiche di una nuova era che grazie a Dio abbiamo affrontato bene.

Se avessi seguito quei giornali, quegli opinionisti, quei campioni non saremmo qui. Ho fatto la scelta che la mia coscienza imponeva. La decisione che ha massimizzato i risultati della Nazionale".

Binaghi elogia Sinner

Non potevano mancare apprezzamenti sul tennista altoatesino, numero 4 del mondo: "Su Sinner non ho dubbi, un ragazzo, umile, semplice, di grande etica, molto più intelligente e profondo di quanto voglia far passare.

Dobbiamo seguire la strada di questi 20 anni, trasformando tutto questo in un prodotto di valore sempre crescente, che moltiplichi risorse e praticanti".

Jannik Sinner Coppa Davis