Bertolucci su Jannik Sinner: "Ora può giocarsela alla pari anche contro Djokovic"



by ANTONIO FRAPPOLA

Bertolucci su Jannik Sinner: "Ora può giocarsela alla pari anche contro Djokovic"
© Valerio Pennicino/Getty Images

Le ultime prestazioni di Jannik Sinner hanno decisamente alzato l'asticella e creato i presupposti per rendere l'altoatesino uno dei grandi protagonisti nella prossima stagione in ogni torneo. L'azzurro sembra aver acquisito una nuova consapevolezza e, anche sfruttando il grande lavoro svolto da Simone Vagnozzi e Darren Cahill, ha aggiunto più varietà al suo gioco.

Sinner ha infatti migliorato in maniera esponenziale il suo servizio e iniziato ad attaccare la rete con maggiore fiducia nei momenti importanti delle partite. Questa è stata probabilmente la chiave dei due successi ottenuti contro Daniil Medvedev - avversario che lo aveva sconfitto 6 volte su 6 - a Pechino e a Vienna.

Bertolucci su Sinner: "Ha fatto un altro step in avanti. Contro Djokovic... "

Alle ATP Finals, Sinner ha affrontato in due occasioni Novak Djokovic. Il tennista italiano ha vinto la battaglia con il serbo nel secondo incontro di Round Robin, ma si è arreso all'ultimo atto del torneo in due set.

In Coppa Davis, però, Sinner ha compiuto una vera e propria impresa e cancellato tre match point di fila a Djokovic rimettendo in corsa l'Italia. Gli azzurri non solo hanno eliminato in semifinale la Serbia grazie alla sua rimonta, ma hanno riportato in Italia la famosa insalatiera 47 anni dopo.

Partendo dalla partita con Djokovic, in una chiacchierata con Adriano Panatta al podcast "La Telefonata" , Paolo Bertolucci si è soffermato sulla nuova dimensione raggiunta da Sinner. "Ha fatto un altro step in avanti perché era il terzo set in 10 giorni e come l’ha giocato…Tra l’altro, pur con un rendimento al servizio non eccellente e qualche errore da dietro, ha battuto per la seconda volta Djokovic, siamo su un altro livello.

E’ a millimetri dal serbo, come espressione di tennis, cioè nella sfida contro di lui si parte da una condizione di parità. Fino a quattro mesi fa se si vinceva un set si poteva essere contenti“ .

Jannik Sinner