Ivanisevic su Sinner: "Lo ringrazio. Ha dimostrato di essere un campione contro Rune"

Il coach croato ha elogiato Sinner per la professionalità mostrata nel match con Rune

by Antonio Frappola
SHARE
Ivanisevic su Sinner: "Lo ringrazio. Ha dimostrato di essere un campione contro Rune"
© Clive Brunskill/Getty Images

Dopo aver perso il secondo set contro Hubert Hurkacz nell'ultimo incontro di Round Robin, Novak Djokovic ha capito di non essere più il padrone del proprio destino ed è apparso piuttosto nervoso. L'unico modo per accedere alle semifinali era sperare nella vittoria di un già qualificato Jannik Sinner.

L'altoatesino ha onorato il suo impegno con Holger Rune, chiuso il Gruppo Verde al primo posto e rimesso in gioco il serbo. Djokovic ha sfruttato l'opportunità nel migliore dei modi e in finale ha vendicato la sconfitta subita contro l'azzurro lo scorso martedì. Goran Ivanisevic, allenatore di Djokovic, ha voluto ringraziare Sinner per la professionalità dipingendo un quadro molto chiaro per il suo futuro.

Ivanisevic: "Dobbiamo ringraziare Sinner. Ha dimostrato di essere un campione contro Rune"

“Dobbiamo ringraziare Jannik Sinner per averci dato un piccolo aiuto offrendoci la possibilità di arrivare in semifinale.

Contro Holger Rune, Sinner ha dimostrato il campione che sarà. È competitivo e vuole sempre vincere. Sapevo che Novak avrebbe vinto il torneo dopo la qualificazione. La sua mentalità è cambiata: il nuovo Djokovic è sceso in campo a partire da sabato.

Quando succede questo, nessuno può competere con lui. Novak vuole sempre migliorare, ed è una cosa sia positiva che negativa per me e il resto della squadra" , ha detto Ivanisevic in conferenza stampa prima di soffermarsi su Sinner.

"Sono un grande fan di Sinner, lo seguo da quando giocava nel circuito Junior. Lo rispetto molto e mi piace il suo tennis. Penso sia migliorato molto nell’ultimo anno, soprattutto il servizio e il gioco a rete. Abbiamo visto un Sinner pronto a vincere questa settimana: sono convinto possa conquistare tornei del Grande Slam.

Ha giocato in maniera incredibile, ma oggi non era lo stesso Djokovic di martedì. Sono due i giovani una spanna sopra gli altri: il primo è Carlos Alcaraz; il secondo Sinner. Saranno il futuro del tennis" . Sul suo rapporto con Djokovic, il coach croato ha infine aggiunto: "Chi sono io per arrabbiarmi con Djokovic? È il migliore tennista della storia.

Posso arrabbiarmi con lui solo quando urla verso l’angolo senza motivo. Non è facile stare con lui quando perde. Martedì sera ha finito tardi e mercoledì non lo abbiamo proprio visto. Fino a giovedì non sapevamo cosa stesse succedendo.

Credo abbia deciso di mantenere la calma. Non è facile motivarsi ancora: ha vinto tutto. Ma trova sempre il modo di farlo e vuole sempre di più” .

SHARE