Jannik Sinner sulla rivalità con Ben Shelton: "Diventerà difficile da battere"

Il tennista italiano ha superato con una prova di maturità il tennista americano nel match di primo turno del torneo di Vienna

by Gianluca Ruffino
SHARE
Jannik Sinner sulla rivalità con Ben Shelton: "Diventerà difficile da battere"
© Hu Chengwei/Getty Images

La rivincita si è compiuta. Pareggia i conti Jannik Sinner, che dopo la sconfitta agli ottavi di finale di Shanghai contro Ben Shelton, regola l’americano al primo turno dell’Atp 500 di Vienna con una prova da veterano.

Finisce 7-6(2) 7-5 per il numero uno d’Italia, il quale si dimostra chirurgico nei momenti decisivi (vedi tiebreak del primo set e undicesimo gioco del secondo) e maturo nei momenti di difficoltà, salvando tre delle 4 palle break concesse con un ace.

Il numero quattro del mondo in conferenza stampa ha espresso il proprio amore per il torneo austriaco, spendendo alcune parole di stima per il suo avversario.

Le parole di Jannik Sinner a fine partita

Sinner ha commentato così il suo esordio: “Naturalmente è stata una partita molto dura, lui ha fatto molto bene negli ultimi mesi e oggi è stato lo stesso, proprio come mi aspettavo.

Come ho detto prima della partita, è un ragazzo che viene con molta fiducia, diventerà un giocatore molto difficile da battere, credo che questo sia già stato dimostrato nei suoi ultimi tornei, anche nella nostra rivalità”.

Quella con Shelton potrebbe diventare una duratura rivalità che infiammerà il circuito negli anni a venire. “Dobbiamo andare avanti un po' alla volta, questa volta sono riuscito a vincere il match, vedremo cosa succederà nella prossima.

Gli auguro tutto il meglio per il resto della stagione, credo che possa finire l'anno in maniera molto positiva. Per quanto mi riguarda, sono contento della mia prestazione di oggi pomeriggio e di essere nel prossimo turno.

Spero di poter continuare a giocare un ottimo livello di tennis anche nel prossimo incontro” ha detto il tennista italiano. Per Sinner quello di Vienna è quasi un torneo di casa, essendo nato a San Candido, comune trentino a un passo dal confine con l’Austria.

“Per me è sempre un grande torneo in cui tornare, posso anche dire che all'inizio della mia carriera professionale sono potuto crescere qui grazie ad alcune wild card che il torneo mi ha regalato. Inoltre, ho la fortuna che la famiglia e gli amici possono venire alle mie partite perché sono vicini, la maggior parte di loro vive molto vicino a questa città, anche quelli che vivono in Italia.

Per tutti questi motivi, perché anche con la lingua riesco a parlare un po' di tedesco, mi sento quasi a casa qui. Forse non tanto, sono ancora molto italiano, ma sento una sensazione di familiarità ogni volta che vengo qui, sento l'affetto della gente e questo è sempre molto positivo” ha spiegato il tennista altoatesino.

Al secondo turno il numero due del seeding sarà atteso dal derby con Sonego, battuto in tutti e tre i precedenti di quest’anno. “È sempre un avversario pericoloso e molto duro, soprattutto su questo tipo di superficie e in questa fase della stagione.

Entriamo in quella fase dell'anno in cui non ha nulla da perdere, o meglio, è in quel momento che diventa più complicato affrontare uno come Lorenzo. Ci conosciamo bene, ha un ottimo servizio e un ottimo dritto, quindi cercherò di portare il mio gioco, di rimanere positivo in campo e di sfruttare i momenti che si presenteranno a mio favore. Questo è quanto, spero di riuscirci e di continuare ad andare avanti” ha concluso Sinner.

Jannik Sinner Ben Shelton
SHARE