Il commento di Paolo Bertolucci al termine della semifinale tra Djokovic e Sinner

Le parole del telecronista sportivo al termine del match vinto dal serbo

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Il commento di Paolo Bertolucci al termine della semifinale tra Djokovic e Sinner

Si è interrotto in semifinale a Wimbledon il percorso di Jannik Sinner a Wimbledon. A fermarlo, come l’anno scorso, ancora Novak Djokovic, che si giocherà domenica contro Carlos Alcaraz la possibilità di vincere l’ottavo titolo sui campi dell’All England Club.

Una strada che deve rendere comunque orgoglioso il tennista altoatesino, che mai prima di ieri si era spinto così in avanti in uno slam. Il match contro il serbo è stato per il numero uno azzurro la prima semifinale in un Major.

Paolo Bertolucci, ex tennista italiano, ora telecronista sportivo, ha ‘twittato’ il suo pensiero, al termine del match: “Come ha detto @janniksin in conferenza stampa “ meglio quest’anno”.

Il traguardo è Torino e al momento la classifica molto interessante". Un commento che riflette tutta la fiducia verso il ragazzo di San Candido, che in questa stagione, salvo qualche passo falso a Roma e Parigi, sta mantenendo un alto rendimento su tutte le superfici.

Al momento la sua posizione nella Race verso le Atp Finals di Torino, lo vede in quinto. Al momento sarebbe tra gli otto qualificati a un giocarsi il titolo a novembre. Queste le parole di Jannik in conferenza stampa: “Sono state due settimane positive.

Ho giocato questa partita come se fosse una finale: ho dato tutto quello che avevo dal primo all’ultimo punto. Quando raggiungi una semifinale Slam per la prima volta in carriera è molto bello. Pensi a tutto il lavoro che hai fatto per arrivare qui. C’è sempre qualche rimpianto quando perdi una partita, ma sono più gli aspetti positivi che quelli negativi", ha spiegato Poi ha aggiunto: "Lo scorso anno è stata una partita diversa.

Djokovic mi ha regalato qualcosa nei primi due set, ma non ho più avuto chance a partire dal terzo. Quest’anno, invece, ho avuto qualche chance. Mentalmente sono migliorato rispetto allo scorso anno. Ero molto più comodo anche fisicamente negli scambi.

Ho sbagliato alcune cose, come sulle palle break, e commesso un doppio fallo nel tie-break. Ma penso di aver giocato meglio quest’anno. Imparo abbastanza in fretta e lo farò vedere in futuro. Mi sento più vicino ai migliori al mondo”, ha concluso. Photo Credit: Reuters

Paolo Bertolucci
SHARE