Sinner: "Soddisfatto del mio match. Contro Altaimer sarà dura. A Roma avevo..."

L'altoatesino supera agevolmente il primo turno. Ora avrà Altaimer, con il quale ha già avuto un precedente non semplice a New York

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Sinner: "Soddisfatto del mio match. Contro Altaimer sarà dura. A Roma avevo..."

Jannik Sinner supera agevolmente lo scoglio del primo turno contro il padrone di casa Alexandre Muller (6-1 6-4 6-1). Un incontro non banale, in special modo dopo l'inaspettata caduta a Roma, per mano di Francisco Cerundolo.

Sul Philippe-Chatrier, nella sessione serale di lunedì, l’azzurro fa valere fin dalle prime battute il gap tecnico e di ranking. Solo alcune forti raffiche di vento, gli danno fastidio, in particolar modo nei turni di servizio, ma la pratica francese è sbrigata in meno di due ore.

L’altoatesino al prossimo turno affronterà il tedesco Daniel Altaimer, con il quale ha già un precedente, lo scorso anno agli Us Open, uscendo vincitore in cinque set. Sinner, che vanta un quarto di finale raggiunto nel 2020, proverà quanto meno a bissare quel risultato in questa edizione.

In conferenza stampa post match, il top dieci italiano ha spiegato le sue impressioni sulla partita da poco conclusa e sul prosieguo del torneo:

Le impressioni di Sinner

Sono soddisfatto di questo mio esordio, ma si può fare sempre meglio.

Il forte vento condizionavano un po’ il gioco e non è stato facile. In più affrontavo Muller, che poteva contare sul sostegno del pubblico di casa”, ha spiegato il numero uno azzurro Il 21enne preferisce non fare voli pindarici e ragionare partita dopo partita:Non guardo il tabellone, preferisco concentrarmi una partita alla volta.

Il mio prossimo avversario sarà Altaimer, con il quale già ho disputato un duro match. Già era stata una sfida difficile. Ora penso lo sarà ancora di più perché lui si esprime meglio sulla terra, rispetto al cemento”, ha rivelato.

Infine sul suo momento di forma, dopo la prematura eliminazione agli Internazionali Bnl d'Italia:Nelle ultime settimana abbiamo lavorato tanto dal punto di vista fisico. Rispetto a Roma, penso di aver ritrovato anche il mio tennis, che lì avevo smarrito”, ha concluso. Photo credit: Getty images

SHARE