Tutta la delusione di Sinner: "Questo era il mio 100%, non mi sentivo benissimo"

L'altoatesino ha analizzato con molta lucidità la partita persa contro Cerundolo a Roma

by Antonio Frappola
SHARE
Tutta la delusione di Sinner: "Questo era il mio 100%, non mi sentivo benissimo"

Il cammino di Jannik Sinner agli Internazionali BNL d’Italia si è interrotto agli ottavi di finale. Il tennista italiano non è riuscito a superare l’esame Francisco Cerundolo e raggiungere un ritrovato Casper Ruud ai quarti.

Una prestazione al di sotto delle aspettative, che lo ha visto perdere troppe volte il controllo del dritto e lasciare l’iniziativa al suo avversario. La sensazione, anche osservando il linguaggio del corpo assunto da Sinner nel terzo set, è che le condizioni fisiche lo abbiano in qualche modo limitato.

Tutta la delusione di Jannik Sinner

“Anche quando ho vinto il primo non mi sono sentito come volevo in campo, lui era più in comando di me soprattutto con il diritto e la partita che ha giocato è stata ottima.

Speravo di farlo muovere di più però quando lo facevo perdevo il punto e anche il rovescio lungolinea, che normalmente uso di più oggi, non è stata una soluzione mentre sarebbe potuta essere una chiave della partita" , ha spiegato Sinner in conferenza stampa e nelle parole raccolta dal sito ufficiale degli Internazionali BNL d'Italia.

”Questo era il mio 100% di oggi, non ho giocato a tennis come speravo e fisicamente non mi sono sentito come volevo. È una giornata tosta perché ci tenevo tanto a fare bene qui perciò è un peccato aver avuto una partita storta proprio a Roma.

Fisicamente credo di essere molto allenato, purtroppo ci sono anche giornate in cui uno non si sente benissimo e oggi è stato così" . Simone Vagnozzi, allenatore di Sinner, non ha potuto seguire il match nel suo box.

"L’assenza di Vagnozzi oggi? Negli ultimi due giorni non si è sentito bene e anche stanotte si è sentito male, forse ha mangiato qualcosa che gli è rimasto sullo stomaco. Peccato perché sono molto legato a lui e quando inizi un torneo con determinate persone non averle è qualcosa che puoi subire" , ha concluso l'azzurro. Photo Credit: Reuters

SHARE